Bernard de La Villardière
Personalità

Bernard de La Villardière

Bernard de La Villardière è un giornalista, conosciuto per essere il brillante conduttore della trasmissione investigativa « Enquête exclusive » su M6.

Bernard de la Villardière diventa giornalista nel 1983. Nel 1987 contribuisce alla fondazione del canale France Info e diventa cronista radiofonico su RTL. Nel 1998, M6 lo sceglie per presentare la trasmissione televisiva d'informazione « Zone Interdite », dove il giornalista svela il dietro le quinte della società contemporanea. Nel 2003 ha fondato la casa di produzione « Ligne de front ».


Club Italia-Francia : Ha recentemente intrapreso una nuova avventura imprenditoriale, quella di una piattaforma di social media e video al 100%, chiamata Neo. Qual è stato il motivo di questa scelta?

Bernard de la Villardière : Si tratta di un progetto che è nato molti anni fa. Già nei primi anni 2000 percepivamo che il web sarebbe il veicolo ideale per il video. Chiunque, a cominciare dai brand, alla fine avrebbe avuto gli strumenti per diventare un media a sé stante. L’era della web tv è arrivata molto rapidamente. Alcuni imprenditori pionieri si sono posizionati in questa nicchia. Ma – come spesso accade – i pionieri hanno avuto molti problemi. Si erano mossi troppo presto. Una dozzina di anni fa, ho quasi iniziato con mio fratello François. La prima cosa che abbiamo cominciato a notare fu sicuramente il fatto che il buon vecchio sito web stava già perdendo terreno e che Facebook avrebbe preso il sopravvento.

Negli ultimi anni sono apparse piattaforme di contenuti video come Brut o Konbini che stanno riscuotendo un discreto successo. Mi sembrava – insieme ai miei collaboratori – che mancassero i media che mettessero in evidenza il popolo francese e i suoi territori. Da qui la creazione di neo, che trasmette quattro video al giorno sui social network. Dopo un anno e mezzo di esistenza, neo raggiunge i 70 milioni di visualizzazioni al mese. Neo racconta questa Francia imprenditoriale al servizio della conservazione del nostro know-how agricolo, gastronomico e artigianale. La Francia come l’Italia non ha bisogno di ricevere una lezione sulla diversità. È diversa per sua natura.


Club Italia-Francia : Oggi si parla tanto di cambiamento climatico, di risparmio energetico, ma anche di energie verdi, che però sono meno in voga rispetto a 10 anni fa. Crede che il tabù delle energie rinnovabili sia stato infranto?

Bernard de La Villardière : Il tabù è soprattutto la fede nell’energia a zero emissioni di carbonio! Non c’è energia verde. Solo energie la cui produzione consuma più o meno gas serra. E la più virtuosa in questo senso è l’energia nucleare. L’anno scorso ho prodotto e presentato un programma su M6 su questo tema: “il lato oscuro delle energie verdi”. Credere che l’energia eolica e solare siano sufficienti per risolvere l’equazione tra lotta contro il riscaldamento globale e sviluppo umano è un’eresia.

Club Italia-Francia : Per lei il giornalismo è una seconda natura. Laureato alla Sorbona con una laurea magistrale in scienze politiche, hai iniziato la professione all’età di 25 anni. Le sue indagini sono affascinanti e precise. Ha una perfetta padronanza delle attuali questioni politiche e sociali. Si sentirebbe pronto per entrare in politica?

Bernard de la Villardière : Non sono sicuro di padroneggiare perfettamente tutte le materie, contrariamente a quanto affermato nella sua domanda. Innanzitutto perché non ho memoria per i dettagli e conservo più facilmente le sensazioni e i sentimenti vissuti o raccolti durante i miei viaggi. Ma è vero che i miei incontri e le mie ricerche mi hanno permesso di forgiare alcune convinzioni sulle sorgenti della natura umana e sui fondamenti della vita dei popoli e delle nazioni. È così che non credo più al modello multiculturale e le notizie americane mi confermano ogni giorno che è una pericolosa utopia.

Sono molto preoccupato per la crisi che sta attraversando la Francia. Non è solo una crisi democratica, ma una crisi di senso. Non ho intenzione di entrare in politica, ma spero attraverso l’esercizio della mia professione di aiutare a difendere valori che vengono abusati dallo spirito dei tempi sottoposto a cinici ed estremisti.

Club Italia-Francia : A causa delle sue indagini, anche lei è stato oggetto di minacce. Pensa che la libertà di espressione sia oggi indebolita?

Bernard de la Villardière : Sì, senza dubbio. Per le minacce di morte di cui alcuni giornalisti potrebbero essere bersaglio, in particolare quando indagano sul totalitarismo islamista, ma anche per la violenza che si esprime senza freni e senza possibili sanzioni – salvo rarissime eccezioni – sui social network. I social network non ne sono certo responsabili, ma l’anonimato e l’impunità tipica di questi canali consentono il dispiegamento di vere e proprie campagne di soft power orchestrate da Stati, lobby transnazionali o aziende che tentano di trasformare la nostra visione dell’uomo e del mondo. Il marxismo non è riuscito a trasformare la società, le nuove ideologie vogliono deprogrammare l’uomo, strapparlo alla sua antropologia.

Club Italia-Francia : Dopo tanti anni di giornalismo, come fa a rinnovarsi costantemente?

Bernard de La Villardière : Tutto quello che si deve fare è mettersi ad osservare da quel balcone chiamato « mondo ». La cronaca non manca di fantasia e contrariamente alla credenza popolare non fa passare sempre le solite minestre riscaldate. Ma per finire di rispondere alla domanda, direi che ho avuto la possibilità di lavorare nella stampa scritta, radiofonica e poi televisiva e di esercitarvi varie funzioni: reportage, presentazione di giornali o testate giornalistiche e produzione di documentari.

Club Italia-Francia : Come sceglie i soggetti dei suoi reportage? Come è possibile capire quali sono gli argomenti che funzioneranno con il pubblico? Quanto conta la « spettacolarità » di un argomento per attirare il pubblico?

Bernard de la Villardière : Enquête Exclusive è costantemente contattato da registi o produttori che ci sottopongono idee per i soggetti. Io stesso lancio proposte di sondaggi tramite Ligne de Front, la casa di produzione che ho creato quasi 20 anni fa. All’epoca pensavo che non avrei fatto grandi cose come presentatore! Enquête Exclusive nasce 17 anni fa e diciamo che la sua anzianità e la stabilità dei suoi dirigenti ci danno una notevole competenza su come raccontare il mondo. Inoltre, questa rivista è diventata un marchio che ispira spontaneamente fiducia. La nostra quota di ascolto è quindi notevolmente stabile, in particolare tra i giovani. Se i temi a volte sono accattivanti, vengono sempre trattati con rigore e pedagogia. Informare, secondo me, è prima di tutto voler creare legami tra le persone.

Club Italia-Francia : Tra i suoi reportages, quali sono quelli che l’hanno colpita di più? E perché un giornalista è spesso attratto da ambienti pericolosi?

Bernard de la Villardière : Le indagini che mi hanno segnato sono quelle che si svolgono sui luoghi della guerra. Iraq, Siria, Afghanistan, Nigeria… i paesi più colpiti sono sorprendentemente i più ricchi di storia. E spesso anche li più belli. Come se questa bellezza scatenasse l’appetito e l’aggressività degli uomini. Mi sono piaciuti questi resoconti perché la guerra rivela anche l’anima umana. Distinguiamo rapidamente chi sono i santi e chi sono i bastardi.

Club Italia-Francia : Lei parla molto bene l’italiano ed ha trascorso parte della sua infanzia in Italia. Rimane legato a questo paese? Ha qualche attività o progetto particolare? Qual è il suo legame con l’Italia? Crede che un progetto franco-italiano nel mondo dei media possa interessare il pubblico?

Bernard de la Villardière : Sono molto legato all’Italia perché ci ho vissuto tra i 7 e i 12 anni. Anni essenziali durante i quali costruisci il tuo alfabeto dei sentimenti. Abbiamo abitato dal 1967 al 1971 in Viale Gambaro a Genova. Era ancora una zona residenziale e abitavamo al piano terra di un piccolo edificio delimitato da un giardino in cui ho combattuto le mie prime battaglie con i miei fratelli. Ero un cucciolo di lupo, andavo al “cinema della parrocchia” dove venivano proiettati film di Risi e Comencini. Una parte di me è rimasta a Genova perché, come diceva Saint-Exupéry, “si è della propria infanzia come si è di un paese”.

Torno spesso in Italia e soprattutto sulla costa ligure che mi piace mostrare ai miei vecchi amici. Ho anche investito in un progetto di ristrutturazione di un piccolo albergo-ristorante sulla corniche tra Genova e Portofino: La Marinella di Nervi. Un progetto guidato da un genovese, Igor Mendelevitch. Suo nonno è nato a Odessa dove andrò tra pochi giorni. Scrivo queste righe in macchina mentre attraverso il confine tra Polonia e Ucraina.

Club Italia-Francia : Ha dei progetti in preparazione di cui vorrebbe parlarci?

Bernard de la Villardière : Ebbene proprio questo programma sui crimini di guerra in Ucraina e sulla guerra vista dalla Russia. Lancerò questi due spettacoli in Ucraina. Andrò a kyiv e Boutcha a raccogliere testimonianze sulle fosse comuni recentemente scoperte diverse settimane dopo il passaggio dei soldati russi e poi cercherò di raggiungere Odessa per raccontare il tempo sospeso mentre i russi aumentano la loro pressione su questa città bellissima.

written byDaisy Boscolo Marchi
Daisy Boscolo Marchi

1 Luglio 2022

advertising