Imprenditori

Myriam Maestroni


Imprenditrice, fondatrice e presidente della Fondazione E5T

Imprenditori

Myriam Maestroni


Club Italia-Francia : nel 2014 lei è stata nominata “Donna dell’Ambiente”. Che donna è?

Myriam Maestroni : È divertente che mi ricordi questo momento della mia vita che è stato molto importante per me. Devi capire che ho passato i miei primi 20 anni nel petrolio e nel gas. L’ho fatto con fortissime convinzioni, in particolare che l’energia fosse al centro del progresso e della nostra società moderna. Quando nel 2011 ho deciso di lasciare il mio incarico di direttore (C/o) di Primagaz, è stato il culmine di un percorso di trasformazione che mi ha richiesto diversi anni, e che ha portato alla decisione di avviare una delle prime start-up specializzate in efficienza energetica dal nome evocativo: Economie d’Énergie (EDE SA). Naturalmente, questa decisione è stata un ovvio contrappunto ai miei 20 anni nel settore dei combustibili fossili. Ho ripetuto molto che ritenevo allora che stavo iniziando una nuova fase… di riscatto! In effetti, avevo già integrato la convinzione che il cambiamento climatico fosse una dimensione fondamentale e che le sue conseguenze sarebbero state molto maggiori e più rapide di quanto immaginassimo. Mi è sembrato essenziale tenere conto delle esternalità negative della nostra economia, comprese, ovviamente, le emissioni di carbonio e di gas serra in generale. Era come un’illuminazione… e in quel momento ancora una scommessa, perché pochi di noi vedevano cose del genere.

Inoltre, quando sono stata nominata “Donna dell’Ambiente” nel 2014, è stato un bel simbolo per me… Vi ho visto un incoraggiamento e un segno di sostegno in questa nuova vita che era molto importante per me. . Quando decidi di cambiare vita e andare dall’altra parte dello specchio, non è un processo facile. Sono una donna di convinzioni e di impegni, al punto che ne ho fatto uno stile di vita, anche se questo ha richiesto rinunce e mi ha procurato giudizi a volte severi, perché spesso le scelte radicali sono difficili da capire… Comunque ho mai pentito di una delle mie decisioni. Al contrario, perché alla fine si sono rivelati tutti quelli giusti. Quando ho fondato Économie d’Énergie eravamo otto persone con zero euro di fatturato… Otto anni dopo, nel 2019, quando ho venduto questa azienda al gruppo La Poste, eravamo passati da 8 dipendenti a 350 e da zero euro di fatturato a 150 milioni! Ma è successo dopo… Perché, all’inizio della storia, i rischi da correre e l’energia per reinventarsi – in una nuova dinamica e con nuove competenze – erano enormi. Questo spiega perché questa distinzione era così importante per me. Mi sembra importante anche ribadire tutta la gratitudine alle persone lungimiranti che hanno contribuito a questo riconoscimento. Quando decidiamo di vivere una vita in linea con le nostre sincere convinzioni e aspirazioni, abbiamo tutti bisogno di incoraggiamento, perché il lavoro da fare è enorme. Col tempo ho acquisito la certezza dell’importanza di vivere una vita allineata alle nostre idee… che ci costringe a cambiare la nostra vita o le nostre idee! Sono anche convinto che sia una condizione per accedere alla felicità, felicità da coniugare ovviamente con la voglia di continuare a imparare – tanto più in un mondo che cambia così velocemente – e di contribuire al bene comune, che è più importante che mai nella nostra umanità minacciata.

Club Italia-Francia : Si parla spesso di “energia 5.0” e di “filiera dei servizi”. Potrebbe dirci di più?

Myriam Maestroni : Questo è il principio fondante dell’azienda che ho creato. Mi sono reso conto che, in effetti, il cliente era rimasto a livello di utente ed era solo bravo a pagare le bollette. Mi è sembrato fondamentale dare a tutti le chiavi per controllare al meglio i propri consumi energetici. Per questo è stato fondamentale definire meglio la nozione di “efficienza energetica”, ancora poco conosciuta. Nei nostri schemi di pensiero, è abbastanza controintuitivo dare valore a qualcosa che non consumiamo, soprattutto perché implica agire su più leve. Ricordo inoltre che quando abbiamo discusso con gli specialisti del settore, ognuno ha dato la sua definizione del soggetto e condiviso la sua visione, mentre certo spesso coglieva l’estremità piccola del cannocchiale… In effetti andavano bene, ma purtroppo , ciascuno era convinto della propria verità e tendeva spesso ad imporla a danno degli altri. Tuttavia, una delle caratteristiche dell’efficienza energetica è che è assolutamente necessario sviluppare una visione olistica del problema nell’immagine più ampia della transizione energetica. Questa, a mio avviso, è una delle caratteristiche e una delle principali difficoltà dei nuovi modelli economici. Ho quindi ritenuto essenziale affrontare questo problema. Il modello della “catena del profitto dei servizi” – che sono andato a studiare alla Harvard Business School negli Stati Uniti e su cui ho lavorato con il mio buon amico, il professor Luis Huete – mi è stato molto utile. Ho recepito questo modello, che inizialmente era stato pensato anche per i servizi del settore -industriale- energetico.

Questo approccio mi ha portato a definire la “catena dei servizi” dell’efficienza energetica, che mi sembrava destinata a mettere tutti d’accordo! In questa catena ho distinto 5 leve:

-la prima è stata la possibilità di scegliere il proprio fornitore di energia,
-la seconda era agire sui comportamenti e adeguare un po’ i nostri stili di vita (più di duecento gesti quotidiani possono permetterci di risparmiare energia),
-la terza è stata, ovviamente, ristrutturare e migliorare l’efficienza energetica delle nostre case effettuando lavori critici (isolare la nostra casa, cambiare la caldaia, ecc.),
-la quarta è stata quella di utilizzare le nuove tecnologie “intelligenti” per permettere a tutti di comprendere meglio i propri consumi e agire per ridurli, e infine l’ultima è quella di produrre la propria energia. – il quinto è stato quello di favorire l’autoconsumo attraverso i singoli impianti energetici, in particolare il fotovoltaico, mercato ancora in gran parte da sviluppare.

Alla fine, padroneggiare tutti gli anelli della catena consiste nel permettere all’utente di ieri di diventare un “attore consumatore eco-cittadino”, che può iniziare a farsi carico del proprio destino energetico. Oggi più che mai nel contesto del forte aumento dei prezzi dell’energia, questo tema è fondamentale e dovrebbe essere alla base delle politiche energetiche europee.

Club Italia-Francia : Contemporaneamente lei ha sviluppato e continua ad investire in un Fondo di dotazione chiamato E5T? Potrebbe spiegarci l’attività e gli obiettivi di E5T?

Myriam Maestroni : Ho creato il fondo di dotazione E5T in concomitanza con la mia start-up Économie d’Énergie perché mi sembrava fondamentale analizzare tutti i parametri della transizione energetica che comportano una profonda trasformazione in moltissimi ambiti. In origine era una piccola iniziativa. Ho ritenuto importante e interessante riunire almeno una volta all’anno i vari attori coinvolti nella transizione energetica, scegliendo quelli che sono stati più in prima linea su questi temi. Abbiamo quindi creato, con un gruppo di buoni colleghi e amici (Corinne Lepage, Franck Bruneau, Michèle Sabban, Michel Derdevet, ecc.), le nostre prime Università estive E5T a La Rochelle. Si trattava di avviare un dialogo integrativo una volta all’anno per parlare di nuove energie (le prime “E” di E5T), Efficienza Energetica (le prossime 2), Ambiente ed Economia (le ultime 2 E di E5T). L’idea era quella di promuovere un dialogo di qualità tra funzionari eletti, studenti, rappresentanti degli enti locali, manager e dirigenti d’impresa di tutte le dimensioni, docenti-ricercatori, ecc. È abbastanza raro riuscire a riunire così tanti punti di vista e poterli condividere.

L’anno scorso abbiamo festeggiato i 10 anni di E5T. Dall’idea originale ci siamo evoluti molto. Oggi E5T ha 4 missioni principali:

-il primo è identificare e identificare iniziative che contribuiscono o possono contribuire direttamente o indirettamente alla transizione energetica e alla neutralità del carbonio,
-il secondo è mettere in luce queste iniziative nelle nostre università (oggi dislocate in diverse località del mondo, e in Francia sempre a La Rochelle o in un porto -quest’anno sarà Le Havre, negli anni passati sarà Dunkerque- avendo cura di strutturarli attorno a un’agenda e una riflessione precisa e poi a metterli in prospettiva in relazione all’ambiente globale,
-la terza missione è sviluppare e animare una rete di persone che innovano e creano insieme, con vocazioni e innovazioni che nascono e che devono nascere!
-e infine l’ultima missione più recente è sviluppare una componente educativa, perché troppo poche persone capiscono la necessità di innovare e cambiare e pensare al mondo dopo.

Quest’ultima iniziativa ha dato vita al primo Executive MBA sulla transizione energetica (in collaborazione con la IPAG Business School Paris-Nice-Shanghaï) di cui lanceremo la seconda promozione il prossimo settembre, e alla piattaforma digitale E5T Education, in piena espansione.

Club Italia-Francia : Se dovessimo confrontare la situazione energetica in Italia e Francia, quale sarebbe il risultato di questa analisi?

Myriam Maestroni : L’Italia è un Paese che ha saputo investire nel proprio tessuto di piccole e medie imprese, con strutture familiari che sanno passare da una generazione all’altra e da questa la Francia deve imparare dall’Italia. Al contrario, la Francia è capace di pensare al cambiamento e pensare alla trasformazione, per teorizzare queste grandi dinamiche. In tema di transizione energetica, l’Italia ha preso decisioni chiare in materia industriale e di promozione delle energie rinnovabili. Tuttavia, resta ancora molto da fare per sensibilizzare, acculturare e formare l’intera società e i cittadini, soprattutto per questi ultimi nel ruolo attivo che possono svolgere in questa transizione. Perché la nuova economia della carbon neutrality è un incontro tra le grandi visioni industriali e il ruolo di ciascuno. Il Paese sta vivendo una vera ripresa economica in questa fase post-pandemia ed è sicuramente un buon momento per promuovere un dibattito inclusivo e costruire un solido consenso… probabilmente più facile da costruire altrove che in Francia, dove abbiamo grandi difficoltà ad andare oltre le opposizioni e le equazioni (i “pro” combattono ardentemente i “contro” in modo molto sterile)… Un simile atteggiamento non è solo controproducente ma non corrisponde in alcun modo alla visione olistica necessaria per costruire un mondo « net zero ».

L’altro tema di attenzione per i nostri due Paesi sta nel fatto che abbiamo visto troppo spesso l’ecologia diventare ostaggio dei partiti politici quando avrebbe dovuto e per di più sta per imporsi come una questione non solo ambientale ma a sé stante giusto, e quindi fondamentalmente trasversale. Questo spiega l’importanza di aprire un dialogo e condividere ampiamente con i cittadini le enormi opportunità di cambiamento profondo, che potrebbe essere paragonato a un rinascimento. L’Italia ne ha avuto il primo assaggio prima che scoppiasse la rivoluzione industriale, perché stiamo gettando le basi di un nuovo paradigma eco-energetico, un grande evento, che il governo Draghi ha saputo ottimizzare con le autorità europee in particolare.

Tutto ciò presuppone ovviamente di capitalizzare l’idea rivoluzionaria di disaccoppiare la crescita economica dal crescente utilizzo di combustibili fossili che ha prevalso fino ad oggi, di accelerare la considerazione delle esternalità negative e positive, in particolare favorendo l’economia circolare e rigenerativa, decentralizzare e contribuire a riorientare il tessuto industriale locale e, naturalmente, promuovere l’innovazione sostenibile e responsabile. Il gioco vale la candela. Nel suo impegno europeo, l’Italia diventerà sicuramente un Paese ad alto valore aggiunto per costruire d’ora in poi “l’Europa dell’efficienza energetica e della carbon neutrality”. La cooperazione e l’intelligence locale dovranno potersi esprimere in modo più concreto e vedo molti ambiti di cooperazione che restano da costruire e definire e i mesi a venire. In questa fase, non c’è dubbio che avremo bisogno di molta intelligenza e presenza e una grande capacità di discutere e decidere sulle basi della nostra società futura evitando sprechi di denaro ed energie… Ho alcune riflessioni su questo, ma quello sarebbe l’oggetto di una nuova intervista!

Club Italia-Francia : Le istituzioni europee sono reattive in questo ambito? Quale interesse per le istituzioni ad investire nella questione energetica?

Myriam Maestroni : Quando Ursula von der Leyen ha lanciato il Green Deal europeo al suo insediamento, poco prima della pandemia, abbiamo assistito a una presa di posizione assolutamente straordinaria. Questa ambizione ha dimostrato un’enorme leadership ed è importante salutare questo immenso sforzo in prima linea in una bella visione del futuro per l’Europa. Quando si è verificata la crisi sanitaria, il rischio di dimenticare il clima e pensare solo alla ripresa economica era molto alto. Ho poi seguito da vicino la situazione, e ci siamo subito resi conto che gli Stati membri dell’Ue – Francia compresa tra l’altro – erano abbastanza d’accordo per dire che non c’era niente da opporsi alla ripresa economica e all’accelerazione della lotta all’emergenza climatica. Ci siamo subito resi conto che queste due grandi questioni dovevano coesistere e che, se non combiniamo la ripresa economica con la lotta al cambiamento economico, non è possibile una visione efficace e realistica. Molto rapidamente, il mondo è seguito e gli annunci per andare verso il “net zero” si sono moltiplicati.

Comunque l’argomento è complesso! Se guardiamo un po’ più da vicino, in pratica siamo molto lontani da una “Unione dell’energia”. Ognuno prende le proprie decisioni. La Germania ha deciso di eliminare gradualmente il nucleare, così come l’Italia e la Spagna. In Francia, invece, quasi ¾ della produzione di elettricità proviene dal nucleare e il presidente Macron ha appena annunciato nuovi impegni in questo ambito in Francia 2030. La Germania ha spinto per il gas naturale, meno inquinante di carbone e petrolio. Proprio nel bel mezzo di una crisi militare con l’Ucraina che ha portato a un uso significativo dello shale gas americano… Insomma, il problema dell’Energy Union di fronte alla sfida della carbon neutrality è molto complesso, perché la struttura in parte sovranazionale del L’Unione Europea si scontra con gli interessi nazionali e con una ricomposizione della situazione geopolitica a livello globale. Da un lato, la Francia ha fatto un discorso per il riconoscimento del nucleare nella tassonomia verde e, dall’altro, la Germania sta promuovendo il gas naturale… Anche i due paesi sono contrari agli altri, che guardano dalla loro parte, secondo ai propri interessi e visioni delle cose.

Altro argomento, oggi esplode il prezzo dell’energia e della filiera. È bello voler essere bravi studenti, ma devi anche proteggerti dai cattivi studenti… Ognuno deve assumersi le proprie responsabilità. L’abbiamo visto a Glasgow, durante l’ultima COP26. La Cina o l’India stanno lottando per rinunciare al carbone. Gli Stati Uniti continuano a sfruttare il loro gas e petrolio di scisto e vogliono esportarlo più ampiamente. L’Unione europea deve mantenere la sua legittimità promuovendo, in particolare, un migliore dialogo tra gli Stati membri. Una sfida tra le altre… compreso quello di trovare un’industria locale adattata alla visione futura. In questo ambito, dobbiamo spingere ulteriormente il nostro pensiero, perché dobbiamo essere coerenti fino in fondo: non possiamo, da un lato, essere carbon neutral e continuare a dipendere dalle importazioni da paesi molto meno esigenti di noi.

Club Italia-Francia : Lei ha vinto il premio Women Entrepreneurs 2019. Che consiglio potrebbe dare ai giovani e alle donne di oggi per avere successo, affermarsi e combattere i pregiudizi?

Myriam Maestroni : Prima di creare EDE, ero dirigente di una filiale di un grande gruppo (Primagaz, filiale di SHV), con più di mille dipendenti sotto la mia responsabilità, in un momento in cui le donne nel settore erano ancora pochissime . Ero allora un dipendente e, come molti dirigenti stipendiati, mi sono ritrovato a dover gestire rapporti complicati con i capi, a volte stimolanti, a volte frustranti… Da qui il mio successivo progetto di creare la mia azienda, EDE. L’imprenditorialità è stata quindi qualcosa di molto importante per me, perché riuscire in un progetto che ci appartiene è un’avventura straordinaria. Il rischio è alto ma la ricompensa è commisurata, perché improvvisamente hai il potere magico di immaginare e creare la tua vita come meglio credi. La controparte di questa immensa libertà è che devi imparare a gestire le tue emozioni, comprese le tue paure. Per intraprendere, non devi essere stressato nel senso cattivo della parola. Se sei una persona molto ansiosa, sarà complicato… Ci manca una vera cultura del fallimento in Francia e in Europa. Che tu sia un uomo o una donna, hai un destino e una vita da decidere. Ci vuole vera leadership: decidiamo così di vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto…, per generare relazioni positive o tossiche. Abbiamo sempre la scelta di essere positivi, ma viviamo in una società di analfabetismo emotivo: penso che, al contrario, dobbiamo sviluppare “QE” individuali e collettivi e andare così verso una società di mutuo soccorso, lavoro di squadra, evidenza di maggiore solidarietà, maggiore consapevolezza e valori condivisi. Il mio invito è quello di cercare di capire meglio chi siamo e di capire meglio come possiamo costruirci meglio come esseri umani.

Una parola per le donne: ho passato 15 anni in un’azienda dove ero l’unica donna nella top 100 (ad eccezione della mia collega e della mia amica Ulrike). Quando ho fondato il risparmio energetico, ho deciso che volevo fare della parità una forza trainante per la crescita. È stata un’esperienza straordinaria, perché l’ambiente comune è estremamente positivo e sinergico. Penso che dobbiamo pretendere la parità e per questo dobbiamo capire meglio le relazioni, tra le donne stesse e tra donne e uomini. È una cultura in cui il rispetto deve prevalere ed è anche un modo di vedere le cose. Va detto che tutto questo è possibile! e senza lotta dei sessi!

Club Italia-Francia : Il suo cognome tradisce le sue origini italiane. Tra l’altro parla un italiano perfetto. L’Italia e la cultura italiana sono state presenti nella sua vita?

Myriam Maestroni : Grazie per il complimento… perché ho paura che il mio spagnolo mi faccia fare ancora molti errori… ma sto cercando di migliorare! Sono legato al mio nome, che viene dal nord Italia, e sono stato molto commosso e molto orgoglioso quando mi è stato spiegato che significava “i grandi maestri”. È un dovere e un onore rimanere fedeli alle nostre origini, anche se amo profondamente il Paese scelto dai miei antenati e in cui sono nato. Penso che culturalmente ho mantenuto il gusto per il lavoro. Vivo nel paese che ha inventato le 35 ore settimanali, ma la vera domanda non è il numero di ore lavorate, ma è il nostro rapporto con il lavoro e come dobbiamo imparare ad amare ciò che facciamo perché fa parte della nostra identità. Personalmente non riesco a immaginare di non lavorare, perché il lavoro è un veicolo favoloso di sviluppo personale perché ci permette di capire chi siamo e ci dà i mezzi per diventare chi vogliamo essere… anche se a volte l’ascensore sociale si impossessa , e che avremmo bisogno di mettere un po’ d’olio negli ingranaggi…. Più in generale, l’impegno implica l’azione e il lavoro che ci aiuta a trasformare i nostri sogni in realtà.

Dalle mie origini italiane ho coltivato il gusto per il lavoro ben fatto, la passione per i dettagli che fanno la differenza e aggiungono un’anima in più alle cose più semplici. In Italia un semplice piatto di spaghetti pomodoro e basilico può raggiungere il livello di un’opera d’arte! Ho indubbiamente mantenuto anche un temperamento latino: mi piacciono i dettagli, l’empatia, a volte il gusto per il superfluo, la qualità delle relazioni e dei contatti, la capacità di coltivare emozioni forti e il gusto per la vita. Mi piace anche la storia che si respira in ogni angolo di Roma o altrove, e più in generale questo salto indietro nel tempo che ci permette di capire da dove veniamo per tracciare meglio le strade verso il nostro domani individuale o collettivo… E poi, e finalmente , il senso della bellezza e della spiritualità. La vita umana è breve, quindi decidiamo di viverla con le sue prove ei suoi doni, coltivando la bellezza e la spiritualità. Il giorno in cui lasciamo questa terra, mi sembra fondamentale poterlo fare con l’idea di essere riusciti a costruire un percorso che ci ha permesso di migliorare e di contribuire, anche se è una dose omeopatica, a migliorare il mondo in cui viviamo.

written byDaisy Boscolo Marchi
Daisy Boscolo Marchi

7 Febbraio 2022

advertising