Imprenditori

Andrea Furlan


Progettista e presidente. Co-fondatore con Hamad Al Marri, artista e collezionista, della casa di orologi Furlan Marri.

Imprenditore del mese Imprenditori

Andrea Furlan


Club Italia-Francia : Qual è il suo background e come si è avvicinato al mondo dell’orologeria? È una passione che coltiva fin da piccolo?

Andrea Furlan : In effetti è una passione che coltivo da molti anni, in particolare da quando avevo 15 anni. Mentre i miei amici partivano per le vacanze estive, ho svolto una decina di stage di orologeria tra i 15 e i 19 anni. Ad esempio da Chopard, Hublot, HD3 Complication o Sarcar. Dopo un’opzione di istruzione scolastica bilingue tedesco, storia e filosofia della scienza e biochimica, ho frequentato l’università in design industriale, ECAL, a Losanna, in Svizzera. Questa scuola mi ha sfidato su più punti, sia in termini di creazione che di produzione di un prodotto. Ma è vero che in fondo alla mia mente c’era sempre questa idea di lavorare nel mondo dell’orologeria. Ho quindi potuto lavorare per l’orologiaio-inventore Dominique Renaud, fondatore di Renaud & Papi, su un progetto complesso e incredibile che rivisita i fondamenti dell’orologeria.

Questi 4 anni al fianco di un leggendario orologiaio hanno aperto la mia mente al lato tecnico dell’orologeria indipendente, alla totale libertà creativa e a una profonda comprensione dei diversi processi di produzione e finiture. Poi, dopo 4 anni, sono andata a fare lo zaino in spalla in Asia, a Shenzhen e Hong Kong e poi a Los Angeles. Lì ho potuto lavorare come consulente per diversi gruppi, incontrando persone chiave che mi hanno dato preziosi consigli nell’e-commerce, nel marketing (libri, podcast da ascoltare). Ho anche potuto rendermi conto della realtà delle cose, della complessità della creazione di un marchio, perché devi controllare l’intera catena di produzione, capire come la produzione di massa sia molto diversa dalla produzione indipendente e limitata. Poter essere al centro di tutti questi processi mi ha permesso di scegliere i fornitori giusti, le persone di fiducia con cui volevamo, il mio socio-associato e me stesso per creare questo marchio.

Club Italia-Francia : come e quando è nato il marchio Furlan-Marri? Quali sono i suoi valori fondamentali?

Andrea Furlan : Ho sempre saputo che un giorno avrei lavorato alla creazione di un progetto di orologi, quindi avere il mio marchio è ancora più emozionante. L’idea per Furlan Marri è nata durante il mio viaggio in Asia, quando Hamad Al Marri ed io abbiamo iniziato a disegnare i primi modelli. C’era anche il desiderio di creare un marchio premium svizzero al 100%, ma la situazione COVID-19 non ha aiutato. Questo progetto è nato nel mezzo di una pandemia, bloccata nei nostri rispettivi paesi. Era necessario ottimizzare, automatizzare i processi e fortunatamente il viaggio in Asia e in America era già stato fatto. I valori del nostro marchio sono semplici: realizzati con cura, progettati per i dettagli. Ci sforziamo sempre di fornire di più al cliente, più un’esperienza che un prodotto. Ciò si riflette nella nostra confezione, nella nostra tipografia utilizzata fino al concetto di vendita.

Club Italia-Francia : C’è stato un evento o un episodio in particolare che l’ha spinta a diventare stilista? Qual è la sua fonte di ispirazione per il suo lavoro quotidiano di designer?

Andrea Furlan : Mio nonno indossava un Rolex che non si è mai tolto. Un giorno mi disse che me lo avrebbe regalato in eredità e questo mi ha spinto anche ad interessarmi al mondo degli orologi, a progettarli. Ho passato un’intera notte a disegnare con una penna Rotring ea raschiare la carta da lucido con un taglierino per cancellare l’inchiostro come aveva fatto mio padre, che all’epoca era un disegnatore tecnico. Penso che questi momenti abbiano forgiato molto presto l’idea di diventare designer, designer e lavorare nell’orologeria. Le mie fonti di ispirazione sono numerose ogni giorno. Si va da un libro letto sui viaggi, alla lettura di archivi di orologi. Si spazia dall’architettura giapponese minimalista ai vari mosaici che si possono trovare in tutto il mondo. Fare collegamenti con tutti questi è una fonte inesauribile di ispirazione.

Club Italia-Francia : Può dirci cosa caratterizza un buon orologio? Quali sono le fasi dello sviluppo di un orologio Furlan-Marri?

Andrea Furlan : È una domanda complessa. Penso che un orologio vada pensato nel suo insieme, con scelte oculate in fatto di accostamenti cromatici, buona fattura dei componenti, riflessione sul progetto nel suo insieme, e non un orologio o un oggetto in quanto tale. Ciò che è interessante è capire il percorso, le persone dietro un progetto e la visione a lungo termine di un marchio, il suo perché. Le fasi di sviluppo passano tutte prima da Ginevra. Hamad ed io disegniamo, discutiamo e impostiamo gli elementi dei nostri progetti. Come le stampe 3D in plastica, per controllare l’angolazione dell’orologio se cade bene sul polso. Abbiamo un team in Asia per i progetti e uno in Svizzera per progetti svizzeri e più complessi. Vengono realizzati dei prototipi per poterli testare, fotografare e inviare ai vari media ed avere feedback sinceri sui nostri prodotti.

Club Italia-Francia : In un mondo sempre più dominato dall’Internet of Things e dalla tecnologia, il mondo dell’orologeria sarà in grado di seguire queste tendenze? Cosa possiamo aspettarci dal futuro dell’orologeria?

Andrea Furlan : Penso che la digitalizzazione sia già in atto presso diversi marchi di orologi, è più complicata per un marchio che offre orologi di alta orologeria. Ovviamente è più facile lasciarsi tentare da un acquisto tra i 500-3000 euro che da un acquisto di diverse decine di migliaia di euro. D’altra parte, i marchi possono creare più esperienze virtuali online rispetto a prima, grazie ai nuovi strumenti di digitalizzazione e realtà virtuale. Sarà molto interessante vedere come i marchi seguiranno questa digitalizzazione e come l’orologeria si evolverà e si reinventerà.

Club Italia-Francia : Sul suo sito puoi vedere un dettaglio interessante: il marchio Furlan Marri racconta storie fugaci su tutti i suoi prodotti. Come mai? Come è nata questa idea?

Andrea Furlan : L’idea è nata dal fatto che siamo stati semplicemente sopraffatti dall’immaginazione e non siamo riusciti a tenere troppi modelli in una collezione permanente, per diversi anni. Ovviamente i riferimenti sono effimeri ma non le collezioni. In altre parole, un orologio cronografo potrà durare nella nostra collezione per anni a venire, mentre le varie referenze saranno effimere.

Club Italia-Francia : Quali sono i suoi progetti per il futuro? Quali sono gli obiettivi che il vostro brand Furlan-Marri intende raggiungere nei prossimi anni?

Andrea Furlan : Ci sono molti progetti per il futuro. Stiamo già finalizzando gli sviluppi per il 2023 e abbiamo idee fino al 2025. Il 2022 sarà un anno importante per il marchio. Integreremo la nostra linea swiss made, i movimenti svizzeri. Vedremo anche collaborazioni straordinarie e sviluppi più complessi in futuro. Manterremo anche la nostra storia sul mecaquartz che è stata la nostra prima storia e non la fermeremo. Tuttavia, ci sarà una collezione permanente per un solo anno, con edizioni limitate e nuove collezioni effimere.

written byDaisy Boscolo Marchi
Daisy Boscolo Marchi

20 Dicembre 2021

advertising