Imprenditori

Aurélie Jean


Scienziata e Imprenditrice

Imprenditori

Aurélie Jean


Club Italia-Francia: Lei è una scienziata, un’esperta di algoritmi. In cosa consiste il suo lavoro? Come si crea un algoritmo?

Aurélie Jean: In pratica, sviluppo e valuto algoritmi in molte aree. Oggi divido il mio tempo tra consulenza ai clienti, un piccolo progetto di ricerca che sta diventando un’avventura imprenditoriale, insegnamento e scrittura. La costruzione dell’algoritmo dipende tra l’altro dal tipo di algoritmo e dal tipo di problema da risolvere. Ad esempio, definiremo una logica esplicita attraverso strutture condizionali (alberi decisionali) o attraverso sistemi di equazioni matematiche. Utilizzeremo anche algoritmi di apprendimento, statistiche o reti neurali, per le quali dobbiamo definire i cosiddetti set di dati di addestramento. Quindi il dimensionamento viene effettuato caso per caso a seconda della disciplina di applicazione dell’algoritmo (ingegneria, medicina, sociologia, chimica, finanza, ecc.) e del tipo di problema (che coinvolge o meno dati personali per esempio).

Club Italia-Francia: Lei conosce il mondo della tecnologia. Secondo Lei, le donne sono sufficientemente presenti in questo ambiente?

Aurélie Jean: Ovviamente non abbastanza. Le cose stanno cambiando, ma non abbastanza velocemente. Molte istituzioni pubbliche e private comunicano le loro azioni e intraprendono azioni concrete per attirare le donne in questo ambiente, ma non si sta ancora facendo abbastanza per trattenerle in questo ambito. La conservazione dei talenti femminili è il vero argomento di oggi, anche dopo 10 anni di carriera vediamo scienziate lasciare il settore. Le azioni devono venire dalla società, dagli ingegneri e dagli scienziati che sono i nostri migliori alleati, dalla scuola, da casa, ma anche dall’azienda.

Club Italia-Francia: Che posto avrà l’intelligenza artificiale post-coronavirus? Perché in Europa il tema dell’intelligenza artificiale spaventa i cittadini? Forse perché temiamo un’IA forte …

Aurélie Jean: In Francia ho notato una sorta di attacco all’IA già nel marzo 2020. Abbiamo letto sui giornali che l’IA era incapace di prevedere la pandemia, che era inutile … sul tema, ho scritto un articolo su Le Point! Questo attacco all’IA ha avuto un duro effetto sulla società, che è stato accompagnato da una perdita di fiducia dei cittadini nella scienza, in parte a causa dei numerosi dibattiti traballanti sull’idrossiclorochina. Abbiamo perso l’orientamento. Detto questo, la creazione di diversi vaccini è stata un punto di svolta. Non solo la scienza e la medicina in particolare hanno preso le redini, ma anche le persone comuni hanno scoperto che l’intelligenza artificiale aveva aiutato nel processo. Questa crisi sanitaria ed economica è anche una crisi di fiducia nella scienza. Sottolinea la mancanza di conoscenza e cultura scientifica tra i cittadini, che mina qualsiasi strategia scientifica e medica in tempi di crisi … Dobbiamo spiegare ancora e ancora e supportare ogni individuo nel proprio apprendimento.

Club Italia-Francia: Secondo Lei, i modelli educativi europei sono all’altezza delle sfide tecnologiche e digitali che ci aspettano? Perché i nostri modelli educativi sono così difficili da cambiare? Non rischiamo di creare una generazione di analfabeti digitali?

Aurélie Jean: Difficile da dire perché bisogna coinvolte molti aspetti quando si parla di educazione. I modelli educativi si sono sempre evoluti nel corso della storia. Oggi si stanno evolvendo (e rapidamente) per due ragioni principali: i cambiamenti sociali e il progresso tecnologico stanno rivedendo le materie scolastiche da insegnare a scuola e la tecnologia stessa influenza i metodi di insegnamento in classe e fuori dalla classe. Detto questo, la sfida è grande nell’istruzione perché si tratta di bambini, studenti minorenni i cui dati sono eticamente “sensibili”. Inoltre, dobbiamo garantire l’uguaglianza nell’accesso agli stessi strumenti e agli stessi metodi con il rischio di creare forti disuguaglianze sociali. Si tratta, infine, di incentivare le ricerche da parte di istituzioni pubbliche e private, che vanno assolutamente sostenute finanziariamente e per le quali va fortemente incentivata la traduzione sul campo sotto forma di sperimentazioni in aula, poi eventualmente spinte grazie alla creazione di startup EdTech. Ad esempio, è necessaria una maggiore flessibilità garantendo al contempo pari opportunità e facilità di implementazione delle tecnologie in un intero paese.

Club Italia-Francia: Quale impatto potrebbe avere il mondo digitale sulla vita politica e sulle democrazie?

Aurélie Jean: Il mondo digitale sta già avendo un impatto positivo e negativo. Positivo perché permette di sapere cosa sta succedendo nei paesi con libertà ridotte, ad esempio attraverso i social network. È positivo anche perché il mondo digitale consente ai cittadini di votare a distanza negli Stati Uniti e quindi limitare le disuguaglianze nell’accesso al voto. Ha anche un effetto negativo attraverso la manipolazione delle opinioni politiche, la polarizzazione dei dibattiti incoraggiata dall’attuale uso delle tecnologie di comunicazione. Ma come dico spesso, la tecnologia non è responsabile, gli esseri umani lo sono. Detto questo, sostengo ad esempio che gli algoritmi per l’acquisizione e la corrispondenza dei contenuti sui social network, ad esempio, debbano essere rivisti per contrastare questi effetti.

Club Italia-Francia: Secondo un recente sondaggio, italiani e francesi hanno più paura del fallimento dei tedeschi. La paura del fallimento è senza dubbio un ostacolo nell’ approccio scientifico. Che consiglio si sente di dare agli studenti per superare la paura del fallimento?

Aurélie Jean: Come ho scritto in un recente articolo su Liberation, “L’ambizione di riuscire va di pari passo con il coraggio di fallire”, penso di aver detto tutto con queste parole (ndr, ride …). Fallire è imparare, e imparare è crescere più velocemente capitalizzando la conoscenza accumulata attraverso esperienze fallite o di successo. Il mio consiglio agli studenti è questo: considerare il fallimento come un dono. La prossima volta che fallisci, siediti e scrivi quello che hai imparato, quello che hai ricordato su cosa fare e cosa non fare. La tua storia sarà quindi trasformata e sarai orgoglioso di parlarne.

Club Italia-Francia: La discriminazione contro le donne è (nonostante i progressi) parte del presente. Che consiglio vorrebbe dare alle ragazze che hanno bisogno di affrontare questo ostacolo? Come assicurarsi che le ragazze possano crescere pensando di poter fare qualsiasi cosa (e ad esempio avvicinarsi alle materie scientifiche)?

Aurélie Jean: Con la scienza possiamo fare qualsiasi cosa! Influenza quasi tutte le aree. La scienza permette di esercitare un forte impatto, perché ci permette di capire meglio il nostro mondo e risolvere problemi acuti, a volte su larga scala. Inoltre, la scienza rimane il migliore ascensore sociale, ne sono certa.

Club Italia-Francia: Secondo Lei, quale potrebbe essere la prossima rivoluzione storica nel campo dell’IA?

Aurélie Jean: Osservo molto quello che si fa nella medicina predittiva, io stessa ho un progetto in questo senso!

written byDaisy Boscolo Marchi
Daisy Boscolo Marchi

1 Marzo 2021

advertising