Imprenditori

Catherine Léger-Jarniou


Presidente dell'Accademia dell’Imprenditorialità e dell’Innovazione

Imprenditori

Catherine Léger-Jarniou


Club Italia-Francia : Lei è presidente dell’Accademia Imprenditorialità e dell’Innovazione. Quali sono i servizi e gli obiettivi dell’Accademia? Quali sono i valori fondamentali di questa istituzione?

Catherine Léger-Jarniou : L’Accademia è stata un’associazione di insegnanti-ricercatori francesi in tema di imprenditorialità sin dal suo inizio, nel 1998, ma è aperta anche a professionisti coinvolti nell’imprenditorialità, l’AEI vuole essere “il” centro di risorse per l’imprenditorialità. La nostra missione è promuovere lo sviluppo della ricerca sull’imprenditorialità e la diffusione dei suoi risultati. In concreto, ciò significa incoraggiare l’imprenditorialità e l’innovazione a tutti i livelli del sistema educativo e la formazione permanente, costruendo e diffondendo metodi di insegnamento specifici e innovativi, facilitando lo scambio di esperienze e informazioni tra i suoi membri e tutte le organizzazioni, private o pubbliche, nazionali o internazionali, in particolare francofone, e facilitando il dialogo tra ricercatori e professionisti.

Club Italia-Francia: Di che tipo di formazione hanno bisogno i futuri imprenditori? Ci sono materie o competenze che mancano ai giovani imprenditori oggi?

Catherine Léger-Jarniou : I futuri imprenditori hanno bisogno di una formazione che copra la conoscenza, il know-how ma anche le abilità interpersonali. Ed è una specificità della pedagogia dell’imprenditorialità tenere conto di questo aspetto chiamato anche “competenze trasversali”. I giovani imprenditori hanno bisogno di fiducia in loro stessi, creatività, capacità di ripresa e resilienza. Per avere successo hanno bisogno anche del supporto di mentori dedicati che capiscano tutte le difficoltà legate alla loro età oltre a tutte le opportunità e dinamismo legate anche alla loro età. Prima verrà intrapresa un’azione di sensibilizzazione, più l’imprenditorialità diventerà un percorso come un altro, come ad esempio il lavoro dipendente. Inoltre, tutti gli “esperimenti” fin dalla tenera età dovrebbero essere incoraggiati e in modo divertente per una maggiore efficienza.

Club Italia-Francia : Lei ha scritto una serie di manuali. È difficile spiegare il mondo dell’imprenditorialità in modo teorico ed educativo? Come combinare pedagogia e pratica?

Catherine Léger-Jarniou : Il mio lavoro di insegnante-ricercatrice è sempre stato duplice; fare ricerca al servizio della società cercando di “rendere popolare” nel senso di Michel Serres tutta la conoscenza a disposizione per portarla al maggior numero di persone. Questo approccio non è sempre semplice (né compreso nelle istituzioni accademiche), ma possibile partendo dalle esigenze dei lettori (futuri imprenditori e intraprendenti) per facilitarne l’utilizzo. L’esempio di maggior successo è “Elementi utili per la creazione d’impresa” che abbiamo appena consegnato con il mio coautore per la versione 2021 che è l’ottava edizione. Questo desiderio è sempre stato per me una preoccupazione, basata anche sulla pratica con i giovani imprenditori. Separare teoria e pratica non è concepibile per me e il desiderio di essere sempre molto istruttivo è sempre stato ovvio.

Club Italia-Francia : che posto occupa oggi l’imprenditorialità nella società francese? Questo mondo attira oggi i giovani talenti o li spaventa? Esistono ora alcune riforme che potrebbero rilanciare il tessuto imprenditoriale francese?

Catherine Léger-Jarniou : L’imprenditorialità è da diversi anni un argomento importante per tutti i governi del mondo, con vari obiettivi. La Francia era in ritardo vent’anni fa, ma abbiamo ampiamente recuperato, quando osserviamo tutti i testi legali, la creazione del nuovo regime di “auto-imprenditore” diventato “microimprenditore”, gli aiuti, i concorsi, le strutture di accompagnamento e supporto, gli incubatori, la realizzazione di corsi di formazione in tutti i tipi di istituzioni, ecc. Tutto questo movimento fondamentale ha portato a un aumento del numero di creazioni imprenditoriali che ha spinto i media a dare un posto più importante e più positivo all’imprenditorialità e alla creazione di impresa (compresa la creazione di nuove imprese). E i giovani sono sempre più sensibili alla libertà di impresa, che significa iniziare la propria vita, a modo loro e lontano dai codici consolidati. E questo movimento colpisce tutte le categorie di giovani. Trovano un modo per conciliare la loro vita professionale e personale e anche per proporre i loro valori ambientali, umanistici e anche realistici.

Club Italia-Francia : Pandemia e aziende: quali sono le lezioni da imparare? Quali sono i punti deboli evidenziati dalla pandemia? Parleremo sempre di più di rilocalizzazione?

Catherine Léger-Jarniou : L’attuale pandemia ci costringe tutti a reinventare i modelli di business e quindi a uscire dalla nostra routine e dalle nostre zone di comfort. Al di là della resilienza che gli imprenditori devono dimostrare, i giovani imprenditori possono essere buoni vettori. Più consapevoli della difesa dell’ambiente e del clima, del non spreco e della solidarietà, ad esempio, inventano nuove professioni o soprattutto nuovi modi di esercitare professioni esistenti che mi sembrano segnali incoraggianti. E quando unisci queste aspettative al fatto che il digitale è la loro cultura, sono sorprendenti e formano anche gli imprenditori in carica. Il movimento “consuma Made in France” e le rilocalizzazioni sono buoni esempi.

Club Italia-Francia : donne e imprenditorialità, qual è la situazione in Francia? Stiamo vedendo sempre più donne iniziare, soprattutto nell’ecosistema delle start-up. La loro presenza è cresciuta? Esistono ancora situazioni in cui le donne sono discriminate, ad esempio l’accesso al credito?

Catherine Léger-Jarniou : Le donne sono sempre state imprenditrici (a volte per necessità) ma la loro presenza è stabile da molti anni, intorno al 30%. Ciò che è cambiato nell’ultimo decennio, lentamente ovviamente, ma in modo ricorrente, deriva dal fatto che il numero di donne che iniziano è in costante aumento e che iniziano in settori non “riservati” alle donne. Abbiamo visto grandi successi nelle start-up tecnologiche, nell’industria o nella viticoltura, per esempio. E proprio come i ragazzi di cui parlavamo, stanno reinventando modi di fare le cose, il che è incoraggiante. Inoltre, l’imprenditoria femminile è un campo di ricerca molto bello e i suoi benefici vanno oltre la sola popolazione femminile. 

Club Italia-Francia : Essere imprenditore: un modo di essere o un percorso accademico specifico?

Catherine Léger-Jarniou : Ovviamente entrambi. Il corso accademico permette di suscitare vocazioni o di rafforzare e armare futuri creatori.

Club Italia-Francia : che posto occupa la ricerca all’interno dell’Accademia?

Catherine Léger-Jarniou : La missione principale degli insegnanti-ricercatori è condurre una ricerca sempre più collettiva per far progredire la conoscenza nel loro campo. Possiamo datare l’inizio della ricerca sull’imprenditorialità in Francia negli anni ’80 / ’90 e pochissimi di noi sono stati coinvolti; da qui la creazione dell’Accademia per promuovere questo campo di ricerca e insegnamento. Oggi i colleghi sono professori universitari, direttori di cattedre e programmi imprenditoriali. L’Accademia incoraggia questo movimento: abbiamo creato gruppi di ricerca tematici (aperti a colleghi di discipline affini) dedicati a temi come l’imprenditoria femminile, l’imprenditoria internazionale, della trasmissione o culturale. Ogni due anni organizziamo un Congresso che riunisce la nostra comunità e ricercatori internazionali per fare il punto sul nostro ultimo lavoro. Inoltre, l’Accademia pubblica una rivista accademica, “La Revue de l’Entrepreneuriat”, che pubblica quattro numeri all’anno e uno o due numeri speciali che riuniscono ottimi documenti di ricerca. La Revue è anche classificata 2 ° da Fnège, che testimonia la sua qualità.

Club Italia-Francia : Le va di condividere i suoi prossimi progetti o un tema su cui lavorerà presto? Ha progetti con altre scuole / istituti di altri paesi, e in particolare in Italia?

Catherine Léger-Jarniou : L’Accademia è sempre in movimento e innova. Il prossimo anno concentreremo le nostre azioni sulla promozione della rivista dell’imprenditorialità, in particolare nei paesi anglofoni, sull’organizzazione di webinar, sulla comunicazione in rete e sul desiderio di aprirci ad altre discipline correlate per arricchire la ricerca e la pratica. Abbiamo anche colleghi che lavorano in altri paesi come Quebec, Belgio, paesi del Maghreb, Africa francofona e una delle missioni è sviluppare legami con istituzioni e / o colleghi in un numero maggiore di Paesi, ed in particolare l’Italia che è sempre stata un ottimo esempio di dinamismo imprenditoriale e territoriale grazie ai suoi distretti.

written byDaisy Boscolo Marchi
Daisy Boscolo Marchi

15 Dicembre 2020

advertising