Aurélie Filippetti
Personalità

Aurélie Filippetti

Personalità politica

Ministro della Cultura e della Comunicazione sotto la presidenza di François Hollande, oggi è Direttrice di Villa Finaly.

Scrittrice e insegnante, Aurélie Filippetti si occupa di politica a livello regionale e nazionale. È stata eletta deputata socialista per la Lorena nel 2007 e poi nel 2012. Molto attaccata alla sua regione di nascita - dove la sua famiglia italiana migrò - nel suo romanzo "Gli ultimi giorni della classe operaia" racconta la storia del nonno, resistente arrestato dalla Gestapo, e la storia delle industrie minerarie e siderurgiche in Lorena.


Club Italia-Francia : È appena diventata la Direttrice di Villa Finaly, villa fiorentina che appartiene alla Cancelleria delle Università di Parigi. Perché questo magnifico posto è così poco conosciuto in Francia? Quali sono le missioni e le attività legate a Villa Finaly?

Aurélie Filippetti : Villa Finaly appartiene a tutte le università di Parigi. Fu lasciata in eredità nel 1954 alla Sorbona con la missione di accogliere ricercatori, accademici e studenti. Dispone di 25 camere per soggiorni brevi o medi e tre sale conferenze. È un posto molto bello sulle colline di Firenze e spero di far rivivere – una volta che avremo ripreso una vita normale e accademica – gli scambi culturali tra Francia e Italia. Il rettore di Parigi che ne è responsabile è molto coinvolto in questo progetto, per restituirgli la sua influenza al servizio dei nostri studenti e dell’università. Al di fuori dei periodi di attività universitaria, infine, accoglieremo tutti coloro che vorranno soggiornare a Firenze e in Toscana e / o organizzare seminari e convegni.

Club Italia-Francia : conosce molto bene il mondo della cultura, che è il suo mondo. In un Paese che ha fatto della cultura il proprio simbolo nelle relazioni internazionali, come giudica la chiusura delle librerie durante il lockdown? È una mossa saggia lasciare la possibilità di acquistare libri su Amazon? Quale sarà in futuro il peso della tecnologia digitale nelle pratiche culturali?

Aurélie Filippetti: Mi dispiace per questa scelta. Ma è sempre difficile far capire alle persone all’interno di un governo che le librerie non sono un business come un altro ma un luogo di vita e di scoperta che può facilmente piegarsi ai vincoli della limitazione della frequenza. Questi due lockdown hanno ulteriormente arricchito i GAFAM, una minaccia per la diversità culturale. Con i mezzi a loro disposizione, queste aziende sono ormai un vero rullo compressore.

Club Italia-Francia : si parla ancora troppo poco oggi della crisi del mondo della cultura. Tuttavia, gli artisti-autori sembrano essere stati dimenticati in questo periodo, condannati ad una situazione piuttosto precaria. La cultura come la ristorazione e l’intrattenimento sono probabilmente i settori che potranno riprendere per ultimi la loro attività. In Francia esiste una misura di tutela per gli artisti-autori e, in caso affermativo, è sufficiente? Ha qualche suggerimento in merito?

Aurélie Filippetti : Era giusto prolungare i periodi di indennizzo per i lavoratori intermittenti, ma sono preoccupata per autori e artisti che non hanno un sistema di protezione sociale. Dobbiamo trovare una soluzione di supporto per loro come per tutte le aziende nei settori della diversità culturale.

Club Italia-Francia : il suo cognome testimonia le sue origini italiane. Qual è il suo rapporto con le sue origini? È ancora molto legata all’Italia? Cosa le piace dell’Italia e cosa c’è di italiano in lei?

Aurélie Filippetti : Mi piace tutto dell’Italia e mi trovo bene lì. Sebbene profondamente francese, ho in me una parte essenziale dell’italianità: 3 nonni italiani su 4. Due umbri e uno friulano. Ne sono molto orgogliosa e non sopporto le critiche all’Italia. A volte in Francia alcuni politici tendono a dare uno sguardo un po ‘ condiscendente ai paesi che chiamano “del sud” e hanno occhi solo per la Germania – dimenticando che alcuni tedeschi guardano i francesi esattamente con la stessa condiscendenza! Mi dà fastidio. Abbiamo così tanto in comune e così tanto da ricostruire insieme dopo la pandemia. In particolare il nostro modello turistico e culturale su cui saremo più intelligenti insieme che isolati. 

Club Italia-Francia : l’elezione di Biden è stata accolta da una larga maggioranza di europei. Paradossalmente con Biden al potere, l’Unione Europea non rischia di perdere la spinta per una maggiore unificazione? Questa spinta nata grazie (o a causa) dell’isolazionismo di Trump e delle sue minacce … 

Aurélie Filippetti: Penso che l’elezione di Biden sia una grande notizia e un sollievo. Secondo, non bisogna lasciare che l’Europa ricada nei suoi vecchi solchi: è ovvio che abbiamo bisogno di autonomia dagli Stati Uniti anche con Biden al potere. La nostra politica di difesa non dovrebbe esserci imposta da nessuno. E questo ci darà i mezzi per continuare a difendere una visione europea del mondo. Ricordiamo la guerra in Iraq… L’Europa deve essere indipendente. 

Club Italia-Francia : Ha detto in più occasioni di amare il cinema italiano. Come pensa che debba svilupparsi la cooperazione Italia-Francia nel settore culturale e in particolare nel settore cinematografico?

Aurélie Filippetti: Attraverso nuove coproduzioni e il rilancio del cinema europeo ma anche lo sviluppo di serie televisive europee. È incredibile che non ci siamo ancora arrivati. Ma arriverà. È così che sviluppiamo l’immaginazione europea. Ho presieduto diversi festival cinematografici e conosco l’importanza di questi festival per promuovere i nostri scambi. Così il festival del cinema italiano di Villerupt in Lorena nella città in cui sono nata, ogni anno segna gli spiriti e contribuisce fortemente a questa cultura europea che promuove la diversità culturale contro l’omogeneizzazione hollywoodiana.

Club Italia-Francia : Al di là della cultura, in quali ambiti pensa che Italia e Francia trarrebbero vantaggio dall’aumento della loro cooperazione bilaterale e possibilmente anche per il rafforzamento dell’Unione Europea?

Aurélie Filippetti: Nella politica dei musei, per esempio. Rifocalizzare i nostri musei su un turismo più sostenibile, e al servizio dell’educazione artistica delle giovani generazioni ma anche delle più anziane. Questo è essenziale. Non possiamo più andare nei nostri musei a causa del sovraffollamento. Questo modello di turismo di massa è obsoleto. Dobbiamo reinventarlo. 

Club Italia-Francia : quali sono i suoi progetti per il futuro e, in particolare, quali ambizioni ha per Villa Finaly?

Aurélie Filippetti: Rilanciare l’università e gli scambi culturali in tutti i campi. Certamente storia dell’arte e traduzioni letterarie, ma non solo. Tutte le aree di ricerca! Il prossimo anno festeggeremo il compleanno di Dante alla Villa con la Società Dante Alighieri. Sarà un bel momento. L’umanesimo europeo che ci definisce è nato lì. 

written byDaisy Boscolo Marchi
Daisy Boscolo Marchi

30 Novembre 2020

advertising