Christian Estrosi
Personalità

Christian Estrosi

Sindaco di Nizza

Ha creato la prima metropoli in Francia, di cui è diventato il primo presidente.

Vicino all'ex sindaco di Nizza Jacques Médecin, è stato eletto deputato all'età di 32 anni. La sua carriera politica ha subìto un'accelerazione negli anni 2000: ha prestato servizio prima durante il governo di Dominique de Villepin e poi durante il secondo governo di François Fillon. Christian Estrosi ha continuato i suoi mandati locali, durante gli incarichi al governo. Nipote di immigrati italiani, è profondamente legato alla sua città natale e alle sue origini. Nel 2013 ha pubblicato il suo libro « Figli di Nizza » nel quale illustra con orgoglio la sua carriera e il legame incrollabile che lo lega alla sua regione.


Club Italia-Francia : Lei è sindaco della città di Nizza da 12 anni. Come è cambiata la città in 12 anni? Quali sono le sue priorità per gli anni a venire? 

Christian Estrosi : Abbiamo iniziato a fare di Nizza la capitale verde del Mediterraneo. E stiamo per decuplicare i nostri sforzi per consentire al nostro territorio di avere successo nella transizione climatica e migliorare l’ambiente di vita dei suoi abitanti. Mentre i risultati della Promenade du Paillon e dei numerosi spazi verdi come il Parc du Ray, così come le linee 2 e 3 del tram, rimarranno i più sorprendenti, continueremo ad abbellire il nostro patrimonio, inclusa la rivegetazione della città con 70 ettari di vegetazione aggiuntiva e l’implementazione della mobilità in cui tutti allo stesso modo, pedoni, automobilisti, utenti dei trasporti, ciclisti, troveranno risposte alle loro aspettative. Prima dell’estate abbiamo intrapreso l’ampliamento della Promenade du Paillon: l’inizio dei lavori è previsto per il 2023 dopo una fase di consultazione e studi.

Anche la sicurezza dei miei concittadini resta la mia priorità. Nel 2022 lanceremo la trasformazione dell’ex ospedale Saint-Roch in una caserma di polizia innovativa, che riunirà la polizia nazionale e la nostra polizia municipale e che sarà un modello nazionale di innovazione al servizio della sicurezza dei nostri abitanti. Il primo ministro Jean Castex e il ministro dell’Interno Gérald Darmanin, venuto a Nizza quest’estate, hanno ricordato gli impegni dello Stato in materia e il suo sostegno finanziario. 

Durante questo nuovo mandato, farò del mio meglio per ottenere nuovi atti di decentramento. La gestione dell’epidemia di Covid 19 ha dimostrato che i territori, i Sindaci, sono in prima linea per mettere in atto misure immediate e concrete per tutelare al meglio i residenti. Continuerò a lottare affinché lo Stato trasferisca alle comunità locali reali capacità di sperimentazione, in particolare in termini di sicurezza, salute o economia. Questa crisi sanitaria ci offre anche l’opportunità di riflettere sulla creazione di una governance transfrontaliera multilivello tra comunità di confine e governi italiano, francese e monegasco, che potrebbe essere attivata in caso di crisi per proteggere meglio i cittadini e rendere la vita più facile a chi vive e lavora su entrambi i lati dei nostri confini.

Club Italia-Francia : La città di Nizza è stata colpita da un attentato il 14 luglio 2016. Come ha reagito la comunità ? Quale risposta può fornire oggi la sicurezza ai cittadini? 

Christian Estrosi : La barbarie che ha colpito Nizza il 14 luglio 2016 rimarrà un episodio che segnerà per sempre la nostra città e i suoi abitanti. La memoria delle nostre 86 vittime rimarrà impressa per sempre. Ferita, Nizza ha mostrato coraggio e resilienza ed è stata in grado di riprendersi.

Sebbene la sicurezza sia la missione sovrana dello Stato, ho sempre creduto che i sindaci dovrebbero essere maggiormente coinvolti nella sicurezza dei residenti e nella protezione degli spazi pubblici. Questo è il significato della Dichiarazione di Nizza che ho lanciato nel 2017. Di fronte alle sfide del terrorismo, 62 sindaci di 19 paesi, in particolare in Europa e nel Mediterraneo, hanno firmato questa Dichiarazione per dimostrare di essere uniti per prevenire l’estremismo violento e rendere sicure le città in Europa e nel Mediterraneo e anche che l’Europa dovrebbe sostenerci meglio nel finanziamento di questi meccanismi di sicurezza locali.

A Nizza ho avviato l’installazione di nuovi dispositivi per controllare meglio il traffico e garantire la sicurezza. Abbiamo installato un’intera rete di diverse centinaia di terminali vicino a piazze e strade pedonali. Abbiamo effettuato, per un costo complessivo di 30 milioni di euro, di cui 6 milioni per la messa in sicurezza, la completa riqualificazione del marciapiede sud della Promenade des Anglais, con l’installazione di dissuasori anti-ram, controllo sicuro degli accessi al marciapiede e un sistema antintrusione lungo il nastro piantato. Questo dispositivo di sicurezza è stato integrato dalla rivegetazione estetica, dall’installazione di numerosi alberi e dallo sviluppo della pista ciclabile sul proprio sito. Questo sistema di sicurezza è stato citato come modello da Julian King, allora Commissario europeo per la sicurezza.

Club Italia-Francia : Nizza è una città che ospita una grande comunità italiana. Lei stesso ha origini italiane. Come si rapporta con le sue origini e con l’Italia? 

Christian Estrosi : Il Comitato di Nizza fece parte del Regno di Sardegna dal 1818 al 1860. Fu da Piazza “Garibaldi” che il generale Garibaldi lasciò Nizza per unificare l’Italia nel 1861 mentre Nizza era annessa al Repubblica francese. Quindi sì, questa storia comune ha lasciato tracce nei nostri territori transfrontalieri. Le nostre popolazioni si sono mescolate, l’eccezionale architettura della città è di ispirazione italiana e la gastronomia nizzarda è simile agli emblematici piatti liguri (la “socca” di Nizza è la “farinata” in Liguria) e piemontese (la “stocca ficca »E« la bagna cauda »in Piemonte)…. Avete ragione: la comunità italiana è molto presente a Nizza: 20.000 residenti permanenti e 25.000 residenti secondari. Le Alpi Marittime hanno più di 1300 aziende italiane. Dei 350 ristoranti della città di Nizza, il 70% dei proprietari è di origine italiana. In termini di turismo, l’Italia è anche il principale mercato estero della Costa Azzurra.

Quanto a me, sono umilmente legato ai colori della mia città e della sua storia. Sono il nipote di una coppia italiana dell’Umbria immigrata a Nizza prima della prima guerra mondiale. Hanno lavorato sodo e si integrati. Sono orgoglioso di questa storia e di questo patrimonio.

Club Italia-Francia : Nizza è una città geograficamente molto vicina all’Italia. In poche ore si arriva a Ventimiglia, città di confine. Quali sono gli accordi, le partnership, i gemellaggi e i progetti tra Nizza e le città italiane? Quali sono i settori economici in cui notiamo le maggiori sinergie (finanziario, industriale, ecc.)? 

Christian Estrosi : La città di Nizza e la metropoli Nice Côte d’Azur mantengono legami privilegiati con i territori italiani: gemellaggi e accordi di amicizia con i comuni di Cuneo, Sorrento, Apricale, Dolceacqua, Isolabona, Perinaldo, Pigna, Rocchetta Nervina, Genova e Torino. Nel 2015, il Principato di Monaco ha firmato un accordo quadro di cooperazione per l’innovazione e lo sviluppo economico con la metropoli. E da 4 anni la metropoli Nice Côte d’Azur lavora per diventare il motore della cooperazione transfrontaliera, una città motore dell’Europa.

Il 16 dicembre 2019, Nizza è la prima metropoli francese ad adottare il suo Schema di Cooperazione Transfrontaliera (SCT) 2020-2030, co-costruito con i nostri partner italiani, monegaschi e francesi. Oltre a una strategia di cooperazione transfrontaliera decennale, il Piano getta le basi per una cooperazione tripartita tra la metropoli Nice Côte d’Azur ei suoi partner francesi e italiani, per non parlare del Principato di Monaco.

Questo diagramma è strutturato in quattro scale di lavoro che rappresentano le scale di cooperazione economica esistenti nel territorio. Una scala di prossimità che copre la costa, una scala di montagna per la cooperazione tra territori rurali, una scala di innovazione inter-metropolitana Nizza-Genova-Torino-Monaco e una scala di influenza macroregionale alpina, mediterranea ed europea per dare voce al voce del territorio transfrontaliero in ciascuna di queste aree di influenza. Attualmente, la Città di Nizza e la Metropoli Nice Côte d’Azur sono partner di 26 progetti transfrontalieri in collaborazione con le regioni italiane di Toscana, Sardegna, Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta, con le Province e le Camere di Commercio di Imperia e Cuneo, con i parchi naturali delle Alpi Liguri e delle Alpi Marittime e le Università di Genova e Torino oltre a tutti i nostri partner francesi.

Club Italia-Francia : Francia e Italia condividono battaglie comuni all’interno del quadro europeo: ad esempio quella sull’agricoltura e la qualità dell’agricoltura biologica o quella sull’ambiente. Come si posiziona Nizza rispetto a queste battaglie e ci sono progetti transfrontalieri su questi temi? Pensa che la cooperazione tra Francia (in particolare Sud) e Italia sia sfruttata al massimo? Quali pensi sarebbero gli assi per migliorarla? 

Christian Estrosi : L’area transfrontaliera è un campo rilevante in termini di sperimentazione, tanto che, su entrambi i lati del confine, condividiamo gli stessi vincoli e vantaggi geografici, le stesse realtà della vita quotidiana. Questi progetti transfrontalieri che portiamo avanti riguardano principalmente lo sviluppo dei servizi economici, turistici, sanitari e sociali nelle nostre aree rurali e montane, ma anche la protezione del nostro ambiente, della nostra biodiversità e della nostra agricoltura. Nelle città i progetti mirano a sviluppare reti transfrontaliere, in particolare grazie alle nuove tecnologie: per la digitalizzazione del nostro patrimonio culturale, per la gestione del rischio di inondazioni transfrontaliere, per lo sviluppo di un settore turistico intelligente, e per il monitoraggio di inquinamento acustico nei porti. Questi temi sono, a mio avviso, priorità per il futuro transfrontaliero franco-italiano.

Nel 2019 la metropoli ha adottato un progetto di « Piano Alimentare Territoriale » volto a contribuire allo sviluppo di un’agricoltura locale, sostenibile e a km 0 nonché promuovere lo sviluppo dei legami tra gli attori locali del sistema alimentare metropolitano. Nel luglio 2020 la metropoli ha votato per una Politica Agricola e Alimentare in vista del rilancio dell’insediamento agricolo sul proprio territorio con un budget annuo di 3 milioni di euro in 10 anni.

La metropoli Nice Côte d´Azur è coinvolta in due progetti transfrontalieri che interessano particolarmente l’agricoltura e i prodotti locali. Il primo progetto « PAYS AIMABLES » mira a creare percorsi turistici attorno al patrimonio gastronomico e naturale dei nostri territori. Il secondo « CAPABLE COUNTRY », direttamente collegato al primo, mira a promuovere questi prodotti, in particolare creando moduli di formazione professionale intorno alla gastronomia mediterranea e ai nostri prodotti della regione. I nostri due paesi hanno molto da offrire dal punto di vista ambientale e agricolo e questo li ha resi apprezzati sulla scena europea e internazionale. I progetti transfrontalieri sono uno strumento per mettere in comune le nostre forze e il nostro know-how al servizio dello sviluppo economico e dell’attrattività dei nostri territori.

Club Italia-Francia : Una cooperazione ottimale richiede anche una buona rete di trasporti. Nizza ha progetti in questo senso? 

Christian Estrosi : Stiamo lavorando a un progetto di navetta marittima che può impedire alle persone che ogni giorno si recano a Monaco per lavoro di utilizzare la loro auto privata. Inoltre, la linea 1 del tram ferma a Pont Michel e consente quindi l’intermodalità con la linea ferroviaria Nizza-Cuneo. Recentemente, la Commissione Europea ha convalidato l’integrazione dell’asse Marsiglia-Genova nel corridoio europeo del Mediterraneo, che ci consentirà di cofinanziare grandi progetti infrastrutturali per migliorare la linea TER Marsiglia-Nizza, Monaco-Ventimiglia, come la nuova linea Provence-Alpes-Côte d’Azur. Stiamo anche lavorando con la regione Provence-Alpes-Côte d’Azur e l’autorità organizzativa per il trasporto ferroviario, per soddisfare le esigenze dei residenti e dei lavoratori transfrontalieri. Lo scorso gennaio abbiamo istituito un unico abbonamento per i trasporti interurbani francesi e monegaschi, i treni espressi regionali e le ferrovie della Provenza.

Club Italia-Francia : La città di Nizza è nota soprattutto per la sua vocazione turistica. Quali sono gli altri settori interessanti per l’economia della città? In che modo l’espansione di Sophie-Antipolis ha contribuito all’economia della regione? Come vede lo sviluppo della Costa Azzurra, in particolare nei settori tecnologici? 

Christian Estrosi : L’economia del turismo è importante nel nostro territorio, e noi la sosteniamo sempre di più con il miglioramento della nostra offerta di turismo congressuale, ma lasciare che un territorio dipenda unicamente da un singolo settore economico non è responsabile. Per questo nel 2008 ho iniziato a diversificare l’economia del nostro territorio e la sua trasformazione industriale.

Al Ministro dell’Industria, avevo anticipato i nuovi settori potenzialmente promettenti crescita e creazione di posti di lavoro in Francia. Salute connessa, eco-industria, digitale … Abbiamo quindi scelto di riunire i principali attori industriali, quelli della ricerca e dell’istruzione e l’Università. Abbiamo incoraggiato le start-up locali creando il Nice Côte d´Azur Business Center (CEEI), che da allora ha creato 155 start-up e più di 1.100 posti di lavoro. Grazie a questa politica proattiva, Nizza è oggi la tredicesima città intelligente al mondo e la città intelligente numero uno in Francia secondo la società specializzata Juniper Research.

Oltre a Sophia-Antipolis, la nostra politica innovativa contribuisce a fare delle Alpi Marittime una grande terra industriale. La spina dorsale di questa trasformazione economica, la nostra Eco-Vallée Plaine du Var, situata a ovest di Nizza, servita dalle nuove linee di tram 2 e 3, vicino al futuro hub e al nostro aeroporto, il secondo in Francia, permetterà di creare in dieci anni, in particolare grazie al suo tecnopolo urbano, 6.515 posti di lavoro che rappresentano il 40% dei posti di lavoro creati su scala di dipartimento nello stesso periodo. Alla fine creeremo 30.000 posti di lavoro, pur continuando i nostri sforzi collettivi in questa direzione.

written byDaisy Boscolo Marchi
Daisy Boscolo Marchi

28 Settembre 2020

advertising