Claude Lelouch
Personalità

Claude Lelouch

Leggenda del cinema francese, Claude Lelouch sorprende sempre per la sua creatività e umanità.

Claude Lelouch è un produttore, regista, sceneggiatore, attore. Conosciuto in tutto il mondo per il film « Un uomo e una donna», ha diretto sessantaquattro lungometraggi, accumulato più di 45 milioni di spettatori in Francia. Ha ricevuto una Palma d'Oro, due Oscar e tre Golden Globe. Non ha eguali nel cinema francese.


Club Italia-Francia : Il suo film, « I migliori anni della nostra vita » (2019), contiene un gran numero di riferimenti, in particolare al Ladro di biciclette (1948) diretto da Vittorio de Sica. Perché la scelta di questo film? Che ruolo ha avuto nel suo modo di fare cinema?

Claude Lelouch : Ci sono una dozzina di film che hanno plasmato il mio modo di girare. Non ci si inventa nulla. Siamo sempre il prodotto di qualcosa. Siamo tutti influenzati da ciò che è venuto prima di noi. Ognuno di noi, in ogni ambito, è il risultato di cose che ci hanno cambiato, colpito, sconvolto. È vero che Il ladro di biciclette (1948) è uno di quei dieci film che hanno plasmato il mio stile e che ad un certo punto mi hanno fatto capire che avrei voluto fare questo lavoro. È stata la prima volta in cui ho creduto così tanto in una storia. Tra me e me ho pensato che con un film si può raccontare una storia vera, con personaggi veri. In questo film non c’è nessuna star del cinema. È un film economico, facile da realizzare, un film di strada … È innegabilmente uno dei film che hanno formato e plasmato «Claude Lelouch ».

Club Italia-Francia : il suo prossimo film, « L’amore è meglio della vita» (2020), è in produzione. In attesa, un grande cast. Può già raccontarci qualche aneddoto delle riprese?

Claude Lelouch : È un film su cui lavoro da 20 anni. Consciamente e inconsciamente ho girato molte riprese. Dal 2000 ad oggi, ho memorizzato una serie di immagini che faranno parte del mio prossimo film. Si chiamerà L’amore è meglio della vita (2020) perché ci credo davvero anche quando fa molto male. Penso che tutti noi vogliamo essere amati ed essere amati. Tutto quello che fai nella vita è essere amato. Con questo film voglio parlare della mia convinzione interiore. Dopo aver studiato la razza umana per poco più di 60 anni, comincio ad avere due, tre certezze di cui parlerò in questo film. È quasi un film testamentario. Ci metterò dentro quello che voglio dire ai miei figli.

Club Italia-Francia : Quale patrimonio culturale vorrebbe lasciare alla generazione di oggi? Che consiglio darebbe a un giovane regista con l’ambizione di cambiare la visione del mondo oggi?

Claude Lelouch : Nessuno possiede la verità. Nessuno. D’altra parte, ci sono profumi di verità. Nella vita, le cose non vanno mai come ti aspettavi. E questo vale per qualsiasi cosa. Quando è un po ‘più di quanto immaginavi, è l’inizio della felicità. Quando è un po ‘ meno, è l’inizio dei guai. Penso che quando sei molto pretenzioso, non hai alcuna possibilità di essere felice su questa terra. Questa terra appartiene a persone modeste e persone oneste. La vita è un gioco straordinario. Il problema con il gioco d’azzardo è che ci sono gli imbroglioni. La vita è il più bello di tutti i giochi. Ma gli imbroglioni esistono e quindi dobbiamo smascherarli. Se smaschiamo gli imbroglioni, la vita è felicità. La vita è un incanto. In amore, negli affari, gli imbroglioni sono proprio quelli che ogni tanto fanno sembrare la vita una schifezza.

Club Italia-Francia : Il suo cinema è costellato di riferimenti cult, quali sono i più notevoli / i suoi preferiti?

Claude Lelouch : Sono stato influenzato da Victor Hugo, Napoleone, Chaplin, Mikhaïl Kalatozov, grande regista russo. Inoltre, Jacques Tati, Michel Audiard, Sacha Guitry, Marcel Pagnol sono i miei riferimenti. Questi uomini hanno forgiato il mio cinema e il mio modo di vedere il mondo. Sono nati prima di me, hanno giocato con la vita prima di me. Ed è vero che tutto quello che hanno fatto mi ha impressionato. Ovviamente, potrei citare musicisti, pittori … Ma questi sono i miei padri e le mie madri. Sono loro che hanno creato il modo in cui guardo il mondo. Sono affascinato dalla razza umana e dalle sue contraddizioni. La razza umana è come il tempo, devi andare a vedere le persone quando il tempo è bello e soprattutto non quando il tempo è brutto. È molto difficile per l’umanità amare gli altri. Soprattutto tendiamo ad amare noi stessi. È molto difficile provare empatia per gli altri. Il nostro ego è il nostro difetto principale. Abbiamo tutti un ego sovradimensionato. Questa è la causa di tutti i nostri guai. Penso che il giorno in cui l’umanità passerà alla generosità, il giorno in cui l’umanità si renderà conto che l’onestà è il trucco migliore, sarà la più bella vittoria per l’umanità stessa. Se la gente sapesse quanto paga l’onestà, non ci sarebbe un poliziotto, niente più carcere … Ma la gente non crede nell’onestà. Credono nella gelosia, nella maldicenza … La gente non crede nelle cose belle. Quindi, attraverso i miei film cerco di dare alla gente un po ‘di speranza.

Club Italia-Francia : Ha filmato gran parte della storia della Francia, sconvolgimenti sociali, passaggi generazionali … Ci hai fatto rivivere l’attualità come nessun altro. Cosa ne pensa dei progetti cinematografici sulla pandemia di Covid 19? La storia non si ripete?

Claude Lelouch : Questa pandemia è una guerra nella guerra. Ha tutti i vantaggi della guerra senza guerra. Penso che ciò che ha spinto l’umanità ad andare avanti siano state le catastrofi. Tutte le grandi catastrofi, tutte le grandi miserie del mondo, hanno portato progressi per l’umanità. L’umanità si è interrogata ogni volta in cui ha sofferto. La vera svolta nella vita è la sofferenza.

Le vere vittorie nella vita non sono rappresentate dai soldi. I soldi vanno bene per arrivare alla fine del mese. Ma la più grande università del mondo è la sofferenza. Tutti i miei successi sono stati preceduti da fallimenti. Tutto ciò che mi da piacere, prima mi faceva soffrire. Quindi, credo nelle forze del male poiché è il male che forma il bene. Penso che il Covid-19 sia un’enorme opportunità per l’umanità. Avevamo bisogno di un calcio nel sedere, per cambiare tante cose. Eravamo bambini viziati. Si tratta di una crisi di persone che hanno avuto troppo di tutto. Spero che questo virus cambierà il mondo. Proprio come spero che un giorno un film riesca a cambiare il mondo … Il Covid-19 ci ha dato una scossa che nessun politico e nessun presidente avrebbe potuto darci.

Club Italia-Francia : Ha nostalgia dell’età dell’oro della storia del cinema? Crede che i nuovi paradigmi facciano parte dell’evoluzione della storia del cinema?

Claude Lelouch : Non mi piace molto il passato. È come abbracciare una persona morta. Non succede niente. Il passato è passato. Inoltre, il passato è il rifugio delle bugie. Nella nostalgia, i bugiardi inventano leggende. Penso che se al tempo di Cristo ci fosse stato il cinema, se fosse stato girato un film ai piedi della croce, la storia che raccontiamo oggi sarebbe ben diversa. E, se avessimo filmato Giovanna d’Arco sulla croce, idem. Penso che dal 1895, dalla nascita del cinema, la menzogna abbia perso la sua forza. Possiamo mentire attraverso il cinema, ma un po ‘ meno. L’unica cosa in cui credo è il presente. È l’unica cosa che possediamo. Il resto sono ipotesi. Il passato è morto e il futuro è un tale punto interrogativo che spaventa tutti. Il futuro è codardo. Quindi l’unica cosa che conta è il presente. È l’unica cosa che possediamo. Ecco perché si deve fare attenzione alla storia. Ad esempio, è pazzesco quanto talento ti dia la morte. Verrò sicuramente considerato molto più talentuoso dopo la mia morte…

Club Italia-Francia : sono tanti gli attori italiani con cui ha lavorato. Cosa le piace di più di loro?

Claude Lelouch : Quello che mi piace degli attori italiani è quello che mi piace di tutti gli attori del mondo: la spontaneità. C’è una spontaneità che può essere anche più forte. E c’è l’umorismo. È molto difficile per un attore italiano dire le cose seriamente. Hanno un sorriso, un fascino, un’eleganza … Sono più canaglia di noi. Sono più imbroglioni di noi. Sono molto fotogenici. Quindi, se sono fotogenici, li adoro.

Club Italia-Francia : Quanto è importante per lei l’opinione mediatica che segue l’uscita di uno dei suoi film?

Claude Lelouch : Oggi il cinema sta attraversando una crisi terribile. La maggior parte dei film che vengono proiettati nelle sale sono film televisivi. Andiamo al cinema a vedere film per la televisione. Non vediamo più i grandi film. C’è stato un tempo in cui abbiamo prodotto film per gli spettatori che andavano al cinema. Ora tutti i film sono prodotti per i canali TV. Quindi lo spettatore inconsciamente andrà sempre meno al cinema perché sa benissimo che tutto ciò che vedrà al cinema, potrà poi vederlo a casa. Se non ci sono più produttori o registi che fanno film per il cinema, il cinema è un casino. È davvero urgente trovare uomini e donne che sappiano ridare vigore al cinema. Il cinema è un laboratorio. La televisione è riuscita a recuperare tutte le invenzioni del cinema. Per questo, il cinema deve saper inventare cose nuove. Il cinema deve assolutamente reinventarsi in nome di tutte quelle persone pronte a fare la fila, pronte a preoccuparsi di dove parcheggiare la macchina per poter assaporare in una sala cinematografica la bellezza di una grande storia.

Club Italia-Francia : con così tanto successo, cosa la motiva oggi?

Claude Lelouch : Sono curioso. Sono un vero portiere. Tutto mi interessa. Tutto. Sono incredibilmente curioso. Ho una benevola lucidità per i miei contemporanei. Sono molto tollerante. Per me, non ci sono persone cattive, né eroi. Non credo nell’eroe, non credo nel bastardo. Ci sono giorni in cui siamo eroi e altri sono bastardi. Abbiamo tutti la possibilità di essere sepolti nel Pantheon o finire in prigione. Ognuno è padrone del proprio destino. Ciò che mi motiva è l’idea di realizzare il miglior film di Claude Lelouch. Ogni volta che inizio un film, mi dico che dovrà essere il migliore.

written byMarion Delorme
Marion Delorme

7 Agosto 2020

advertising