Imprenditori

Jérôme Tebaldi


È vice sindaco della città di Tours, responsabile per le attività di promozione e le relazioni internazionali. Parallelamente all'attività politica, ha continuato a lavorare nell'azienda di famiglia, una società di quasi 50 anni che commercia macchine per la fabbricazione di caldaie e metallurgia.

Imprenditori

Jérôme Tebaldi


Club Italia-Francia: Lei è vicesindaco della città di Tours. Questa città è un vero e proprio patrimonio storico e culturale, dove sembra che il passato e il futuro si incontrino. Quali sono i segreti della città di Tours e della sua apertura al mondo?

Jérôme Tebaldi: Tours è in effetti una città che ha saputo nel tempo adattare le pratiche e gli usi legati alla modernità al suo immenso patrimonio. Città definita “Città d’arte e di storia”, Tours affascina per la sua dimensione umana, la sua architettura, la sua arte di vivere nel cuore dei “Giardini di Francia” e il suo modo di vivere dolcemente lungo il fiume Loira.

Club Italia-Francia: Il suo cognome sottolinea le sue origini della penisola italiana. Che cosa conserva delle sue origini italiane?

Jérôme Tebaldi: Sono fortunato ad aver avuto 2 nonni italiani, di Parma e di Modena. La cosa divertente è che la città di Tours è gemellata con la città di Parma da 30 anni! La mia famiglia mi ha trasmesso le tradizioni culinarie dell’Emilia Romagna ma anche il gusto di lavorare con la mia famiglia. Ho imparato la lingua grazie all’associazione Dante Alighieri Touraine nelle lezioni serali.

Club Italia-Francia: Una cosa molto interessante nel suo percorso è che, parallelamente alla sua attività politica, continua a lavorare nell’azienda di famiglia, un’azienda che ha quasi cinquant’anni e che commercia macchine per la produzione di caldaie e metallurgia. Perché questa scelta di mantenere un doppio ruolo, e cosa porta questa scelta alla città di Tours in termini di competenze?

Jérôme Tebaldi: Sono entrato nella vita politica un po’ per caso, per amicizia con l’ex presidente della Camera di Commercio e Industria di Indre-et-Loire, Serge Babary, che è diventato il sindaco di Tours. Come funzionario locale eletto mi sono sempre ripromesso di continuare la mia attività professionale. Credo sinceramente che questo dovrebbe essere obbligatorio per molti funzionari eletti. In effetti, il legame umano con quella che spesso viene definita “vita reale” è fondamentale. Troppo spesso i funzionari eletti si trovano (a volte senza volerlo) prigionieri dell’amministrazione. La mia indipendenza d’animo, la mia adattabilità imparata durante lunghi soggiorni all’estero, la mia flessibilità grazie alla mia esperienza in piccole aziende private e il mio gusto per il lavoro di squadra sono le risorse di un rappresentante eletto per far brillare una comunità come la città di Tours.

Club Italia-Francia: Lei è responsabile delle Relazioni Internazionali e della promozione della città di Tours. In concreto, in che cosa consiste? A quali progetti sta lavorando e a quali progetti vorrebbe lavorare in futuro? Quali sono le priorità della città di Tours, in particolare nel campo delle relazioni internazionali?

Jérôme Tebaldi: La città di Tours è la porta d’ingresso al turismo nella regione Centro-Valle della Loira, la terza destinazione turistica della Francia dopo Parigi e la Costa Azzurra, nota in tutto il mondo per i suoi castelli della Valle della Loira. Che si tratti di turismo d’affari o di turismo di piacere, il nostro obiettivo è quello di proporre e promuovere strutture (Palais des Congrès de Tours), luoghi culturali (Grand Théâtre de Tours, Centre de Création Contemporaine Olivier Debré, CCCOD) o eventi (Son et Lumière Les Nuits Renaissance, La guinguette de Tours o L’année BALZAC nel 2019 con 150 eventi). Nel corso degli anni la città di Tours ha sviluppato accordi di gemellaggio (12 ad oggi), delle cooperazioni (con la Costa d’Avorio) e più recentemente partenariati tematici con città come Porto e Marrakech. Nel 2016 abbiamo ospitato le 5° Rencontres France Japon, un richiamo al forte legame tra la Touraine e il Giappone grazie al Liceo Konan, qui per più di 25 anni. Grazie al marchio “Cité Internationale de la Gastronomie” (assegnato solo a 4 città francesi tra cui Parigi-Rungis, Lione e Digione), Tours ha stretto numerosi partenariati legati all’alimentazione e alla gastronomia, anche con la città di Parma.

Club Italia-Francia: Tours ha una notorietà costruita su quella dei castelli, un’attrattiva naturale, un patrimonio innegabile e un’arte di vivere riconosciuta. In termini economici, quanto pesa il settore del turismo a Tours? Ha già pensato ad un piano post-coronavirus per aiutare questo settore che inevitabilmente soffrirà?

Jérôme Tebaldi: La città di Tours ha lanciato un “Plan Étincelle”, che comincia a diventare un punto di riferimento tra le autorità locali francesi. Per ringraziare tutti coloro che sono stati in prima linea durante la pandemia di Covid19 e per sostenere la ripresa economica delle nostre imprese (10.000 posti di lavoro a Tours), abbiamo distribuito degli voucher di 50 euro (per un bilancio di 1,5 milioni di euro) via le associazioni. Spesi prima della fine di luglio 2020, questi coupon daranno una spinta alle imprese di Tours.

Club Italia-Francia: Quali sono i vantaggi della città per attirare gli imprenditori e incoraggiarli ad investire a Tours? Al di là del turismo, quali sono i settori chiave della sua economia?

Jérôme Tebaldi: la qualità della vita di Tours (recentemente classificata da Cadremploi al 5° posto su 70 città), la sua dimensione a scala umana, il suo ambiente di vita lungo la Loira, la sua buona rete di trasporti (1 ora da Parigi in TGV, 2,5 ore da Parigi in autostrada, il suo aeroporto in via di sviluppo) e la sua nota cultura ne fanno una città attraente per molti dipendenti e imprenditori che, oggi più di prima, sono alla ricerca del “verde”. Oltre al turismo, il commercio, la sanità e la subfornitura industriale sono settori dinamici.

Club Italia-Francia: Il coronavirus ha riaperto il dibattito sulla contrapposizione tra il locale e il globale, il che è molto interessante. Secondo lei, quale dovrebbe essere, nel futuro, la ricetta per agire a livello locale e garantire al tempo stesso un’azione internazionale?

Jérôme Tebaldi: In effetti questo tema è fondamentale e anche se forse lo avevamo un po’ sistematizzato, la pandemia di Covid19 ci ricorda una realtà economica. In quanto capo di un’azienda, ma anche come funzionario eletto, dobbiamo apprendere a bilanciare le nostre azioni pensando di più a livello locale. Il presidente francese Emmanuel Macron ha parlato molto dell’indipendenza dalla Francia nel suo ultimo discorso. Medicine, mascherine, abbiamo notato in questi due mesi la nostra dipendenza creata da questa globalizzazione. Senza parlare di un passo indietro, vorrei credere in un passo avanti creatrice di occupazioni a livello locale.

Club Italia-Francia: Tours e l’Italia, quali sono i rapporti? Ci sono molti turisti italiani? Sono stati organizzati nel passato progetti, partenariati (se sì, in quali settori) o gemellaggi tra la città di Tours e l’Italia? Sono previsti nuovi progetti? C’è una forte cooperazione anche a livello universitario?

Jérôme Tebaldi: Da 30 anni la città di Tours è gemellata con la città italiana di Parma. Il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, ci ha fatto visita nel novembre 2019, per riaffermare il nostro legame intorno a due temi fondamentali per le nostre città: l’Opera e la Gastronomia. Anche se la Touraine non è proprio una terra di emigrazione italiana, l’Italia è molto presente. Nel 2019, i presidenti francese e italiano sono venuti a celebrare “500 anni di Rinascimento nella Valle della Loira” e anche a visitare la tomba di Leonardo da Vinci ad Amboise. Il Centro del Rinascimento di Tours è anche un famoso luogo di studio e di condivisione tra ricercatori francesi e italiani. L’Institut de Touraine, di cui sono il presidente, casa centenaria per l’apprendimento del francese, accoglie ogni anno moltissimi italiani che vengono a migliorare il loro francese nella città dove l’accento francese è più puro! Nel 2018 abbiamo anche incoraggiato il gemellaggio tra l’OHVT (Harmonie Municipale) e la Bandera dell’isola d’Ischia. In conclusione, vorrei sottolineare il dinamismo della Dante Alighieri di Tours che, con i suoi 500 membri, è uno dei centri più riconosciuti per l’apprendimento della lingua e della cultura italiana in Francia.

Club Italia-Francia: Quali sono i suoi impegni e le sue priorità per i prossimi mesi?

Jérôme Tebaldi: Il mio amore per Tours è immancabile e naturalmente sono più motivato che mai a far scoprire il nostro territorio e tutte le ricchezze che nasconde. Il mio prossimo mandato sarà certamente un’occasione per sostenere altri progetti franco-italiani!

Club Italia-Francia: In virtù delle sue origini, le piacerebbe sviluppare progetti imprenditoriali o istituzionali con l’Italia? Se sì, in quali settori?

Jérôme Tebaldi: Nato in Francia ma cresciuto in diversi paesi d’Europa, rimango particolarmente legato all’Italia. Più che mai, spero che i nostri due Paesi, le nostre due culture, intensifichino i legami già forti che li uniscono. La cultura e il patrimonio sono forti vettori di scambio tra i nostri popoli e spero che i progetti comuni in questi campi si moltiplichino. Concludo con una citazione di Leonardo da Vinci: “Si come il ferro s’arrugginisce sanza esercizio, e l’acqua si putrefà o nel freddo s’addiaccia, così lo ‘ngegno sanza esercizio si guasta.”

written byDaisy Boscolo Marchi
Daisy Boscolo Marchi

19 Giugno 2020

advertising