Imprenditori

Cyril Benzaquen


Imprenditori

Cyril Benzaquen


Cyril Benzaquen è quintuplo campione del mondo di kick boxing e anche campione del mondo di boxe thailandese. È riuscito a ottenere il suo Master in Marketing continuando ad allenarsi. Brillante atleta, è anche modello e un imprenditore. Nell’intervista, parla di come lo ha strutturato la boxe, permettendogli di sviluppare perseveranza e determinazione, qualità essenziali per gli imprenditori.

Club Italia-Francia: Lei è quintuplo campione del mondo nel kickboxing. Essere un campione è stato un sogno d’infanzia o un obiettivo acquisito nel tempo? Come ha iniziato?

Cyril Benzaquen: Un po’ entrambi. Non avevo un vero sogno prima di iniziare il kickboxing. Entrando nella sala di boxe per la prima volta, è come se avessi trovato pane per i miei denti, dopo alcune lezioni ho immediatamente cominciato a sognare di diventare un campione … E con fatica e costanza ho vinto il mio primo titolo di Campione del mondo a 25 anni, 11 anni dopo l’inizio. I miei inizi erano marcati dalla curiosità, non ero particolarmente atletico, volevo fare uno sport di combattimento e sono finito in una palestra di boxe vicino a casa mia, a Chatillon.

Club Italia-Francia: Quanto la sua disciplina sportiva ha influenzato la sua vita personale? Nella vita quotidiana, ha lo stesso atteggiamento mentale di quello della competizione ?

Cyril Benzaquen: La mia disciplina mi ha strutturato e in particolare mi ha permesso di sviluppare il mio rigore nel lavoro. In effetti, attraverso lo sport sono stato in grado di vedere i risultati ottenuti dagli sforzi fatti in allenamento. Sì, il mio atteggiamento sul ring e nella vita è abbastanza simile, e penso anche che per riuscire si debba trovare una certa armonia. In effetti, nella vita sono piuttosto riservato e attento con un atteggiamento più difensivo. Se dovessimo confrontare la lotta con una discussione, quando parlo con qualcuno ascolto e prendo le informazioni in modo che io possa rispondere più precisamente. Sul ring, è lo stesso, più il mio avversario prova a colpirmi, più sarò informato sulla sua tecnica e le aperture. È allo stesso modo che provo a mettere le parole giuste per applicare i colpi al momento giusto, a seconda del mio avversario.

Club Italia-Francia: Lei è riuscito a riconciliare con successo lo sport e i suoi studi e ha conseguito il tuo master in marketing e imprenditoria. Quanto il kickboxing ha aiutato lo studente e viceversa? Essere uno studente e uno sportivo la ha aiutata a trovare un equilibrio?

Cyril Benzaquen: Questo sport mi ha davvero strutturato come un uomo, anzi mi ha dato fiducia in me stesso e soprattutto mi ha permesso di sviluppare la mia perseveranza e la mia determinazione per ottenere ciò che volevo. Quando ho deciso di continuare i miei studi dopo il liceo, ho deciso di scegliere un istituto prestigioso come Dauphine e questo, solo per un motivo quello di uscire laureato, allo stesso modo in cui vado sul ring per vincere. Questa mentalità mi ha aiutato in particolare a svolgere i miei studi senza disperdermi nella vita studentesca a cui ho dovuto rinunciare in questo periodo …

D’altra parte, i miei studi hanno sviluppato il mio senso critico e una capacità di analisi e strategia di combattimento che sono gli ingredienti del mio successo.

Infine, essere uno studente e sportivo allo stesso tempo mi ha reso iperattivo (ride): mescolando i miei corsi all’università e la mia formazione quotidiana, ero relativamente sovraccarico di lavoro, e penso che sia diventato un equilibrio strano, ma il mio equilibrio … 

Club Italia-Francia: il kickboxing non sembra essere “democratizzato” in Francia (come in Italia del resto). Come mai secondo Lei? 

Cyril Benzaquen: In effetti, il Kickboxing come la maggior parte degli sport da combattimento non è realmente democratizzato poiché è relativamente invisibile nei media. Tuttavia, dal punto di vista televisivo, il Kickboxing è un buon “prodotto” poiché i combattimenti sono piuttosto brevi, gli organizzatori si sforzano di rendere le arene attraenti e infine i combattimenti sono spettacolari, il che mi sembra mettere insieme buoni ingredienti per una buona ricetta TV …

Eppure oggi questo sport è sottorappresentato, penso che derivi dal fatto che è relativamente giovane in Europa e che la sua pratica è iniziata nei sobborghi che gli hanno dato un’immagine di “sport di quartiere” . Tuttavia, per la boxe si dice che sia “uno sport da criminale praticato dai signori”. Sempre più, la pratica si sta aprendo ai francesi appartenenti a classi sociali elevate e ci consente di avvicinarci all’immagine della boxe classica. 

Club Italia-Francia: tra le altre cose, lei è un imprenditore. Ha scelto di creare la sua azienda che organizza eventi di kickboxing. Quali sono le caratteristiche che un imprenditore dovrebbe avere oggi per avere successo?

Cyril Benzaquen: Sì, praticare Kickboxing come professionista mi ha reso un imprenditore, il che mi ha permesso di sviluppare molti progetti che ruotano attorno a questo sport. Quindi, proprio come nello sport, un imprenditore deve sviluppare le seguenti caratteristiche: determinazione a combattere le difficoltà, rigore organizzativo per mettere in atto una strategia per raggiungere il suo obiettivo. Imparare a gestire le sue paure come quella di rimanere senza soldi a breve termine, il che richiede quindi pazienza. Sapere come essere flessibili e accettare di cambiare rotta se ci si trova in un vicolo cieco, proprio come richiede la capacità di adattarsi al ring. Infine, la cosa più importante mi sembra quella di essere appassionato: questo ci consente di lavorare meglio sui nostri progetti.

Club Italia-Francia: quali sono i suoi progetti attuali?

Cyril Benzaquen: I miei progetti attuali sono vari e ruotano intorno a due obiettivi: perseguire la mia carriera sportiva e mantenere il mio titolo di campione del mondo. Allo stesso tempo, continuo a sviluppare la disciplina Kickboxing attraverso eventi prodotti dalla mia azienda.

Sto anche lavorando a vari piani d’azione per svilupparmi come relatore attraverso la mia doppia esperienza come campione e imprenditore diplomato al Dauphine. Per il resto, preferisco lasciarli in silenzio in modo da potervene parlare di nuovo quando si concretizzeranno (ride).

written byDaisy Boscolo Marchi
Daisy Boscolo Marchi

1 Maggio 2020

advertising