Personalità

Pierre Cardin

Stilista

Stilista e uomo d'affari, Pierre Cardin è uno degli ultimi testimoni dei grandi anni dell'alta moda iniziati dopo la seconda guerra mondiale con la rivoluzione del "nuovo look" di Christian Dior, per il quale lavorò prima dell'arrivo di un altro stilista, Yves Saint Laurent.

Club Italia-Francia: Lei nasce Pietro Costante Cardin a Sant’Andrea di Barbarana, in Italia. Questo ruolo hanno avuto le sue origini italiane nella sua vita?

Pierre Cardin: Sono nato in Italia nel 1922 e ho lasciato la mia patria all’età di 2 anni con i miei genitori, proprietari terrieri e agricoltori. Avevano perso tutto e hanno preferito lasciare il loro paese con i loro danni di guerra per un futuro migliore. Le mie origini hanno viaggiato con me. Anche se non ho mai sentito parlare italiano nella mia famiglia in Francia, non avrei mai potuto dimenticare il mio passato e la mia storia familiare. Non sono mai stato in grado di cancellare la mia identità italiana dalla mia memoria.

” Ho sempre amato inventare, creare, immaginare le mie creazioni che testimoniano un forte appetito per la sperimentazione.”

Club Italia-Francia: La creatività è forse legata ai luoghi che abbiamo visitato. Parigi e l’Italia hanno influenzato la sua creatività? Se si, come?

Pierre Cardin: Penso che la creatività sia dentro di noi. Ho sempre amato inventare, creare, immaginare le mie creazioni che testimoniano un forte appetito per la sperimentazione. Sarebbe stato lo stesso se fossi cresciuto in Cina o in America. Questa necessità di esprimermi mi ha sempre perseguito ovunque.

Club Italia-Francia: Il Maxim’s a Parigi è senza dubbio un testimone dell’arte di vivere alla Belle Époque. Perché all’epoca ha deciso di acquistare questa istituzione in Rue Royale? Cosa significava per Lei? Come descriverebbe la Bella Epoque ?

Pierre Cardin: Il Maxim’s rimane per me il simbolo di una certa arte di vivere alla francese. Sono il cliente più anziano del ristorante. Quando i Vaudable, ex proprietari, mi dissero che il ristorante sarebbe stato venduto a un emiro mediorientale, mi offrii immediatamente di acquistare da loro il contratto di locazione commerciale e in seguito acquistai le mura. Per me, questo prestigioso nome doveva rimanere francese. Molto rapidamente, ho deciso di rendere il Maxim’s un marchio, un marchio che ho esportato in tutto il mondo.

” Oggi la burocrazia sta frenando la crescita economica e gli investimenti. A volte, sento che il nostro mondo sta regredendo.”

Club Italia-Francia: Il mondo di oggi è molto diverso da quello che Lei ha conosciuto in passato. Cosa è cambiato in meglio o in peggio ? Come ha reagito il mondo della moda a questo cambiamento?

Pierre Cardin: Come decano dei sarti, posso dire che ho visto il mondo cambiare alla fine della guerra. Ho sentito che il mondo sarebbe cambiato e ho voluto portare la moda nelle strade, per rendere le mie creazioni accessibili a quante più persone possibile. Volevo espandermi in tutto il mondo e mi sembra fosse più facile ai miei tempi che oggi. Eravamo meno ad avere questa sete di successo. Mi sono sempre sentito libero. Oggi la burocrazia sta frenando la crescita economica e gli investimenti. A volte, sento che il nostro mondo sta regredendo. Potremmo sperare nel meglio con i nostri progressi tecnici e scientifici, ma ho la chiara impressione che ci stiamo preparando di più al peggio.

” Il mio ricordo più memorabile è quello di aver acquistato il Palazzo Casanova a Venezia.”

Club Italia-Francia: Lei è francese, ma più volte ha sottolineato di sentirsi più italiano che francese. Perché? Qual è il suo ricordo più memorabile dell’Italia?

Pierre Cardin: Sono francese e sarò sempre grato alla Francia per avermi accolto, ma volevo recuperare la mia nazionalità italiana per ricordare che le mie origini sono lì. I miei migliori ricordi sono quelli delle vacanze trascorse in Italia. Il mio ricordo più memorabile è quello di aver acquistato il Palazzo Casanova a Venezia.

advertising