Imprenditori

Myriam Massiani


Business Manager. Manager della società Free Lance Conseil. Dottore Ingnere Centrale Marsiglia specialista in operazioni di strategia di sviluppo chimico e ambientale e Senior Associated Consultant presso Robert Eller Associates.

Imprenditori

Myriam Massiani


Club Italia-Francia: Potrebbe presentare la sua attività ed il suo background ?

Myriam Massiani : Ci sono diverse fasi nella mia attività. Ce n’è un prima, durante e dopo il COVID, una crisi che dovrebbe essere decisiva per molti come per me, se i vertici COP e i report del GIE non sono bastati a convincerci di questo, probabilmente stiamo entrando nel decennio 2022-2032 il più cruciale per il futuro dell’umanità. Mi definirò oggi Senior Business Consultant e Environmental Influencer. Condivido informazioni sulle buone pratiche, tra l’altro con i responsabili delle decisioni nel mio campo e nei principali campi correlati che potrà seguire sul mio profilo Linkedin sotto Myriam Massiani, dove troverà molti post crittografati.

Dalla mia laurea in ingegneria in chimica organica presso l ‘”Istituto di Petroliochimica e Sintesi Organica Industriale”, ora integrato nell’Ecole Centrale Marsiglia, e dopo una tesi in fotochimica, l’uso dei combustibili fossili per l’energia è stata un’eresia. Sulla base della mia formazione tecnica, sono progressivamente evoluta nelle posizioni di Product Manager, Marketing Manager e Business Manager di varie linee di prodotti e mercati B2B presso Goodyear Chemicals. Il lavoro di squadra, la definizione e l’attuazione dei Piani Strategici d’Impresa hanno contribuito, con la qualità e la competitività dei prodotti, allo sviluppo di un fatturato di 58 milioni di euro sulla falsariga di cui io e il mio team eravamo responsabili. Questa esperienza, che il nostro gruppo di consulenza Free Lance Conseil Consulting Group comprendente una società di intelligenza artificiale, mettiamo da inizio anno al servizio della lotta al riscaldamento globale: una goccia d’acqua.

Sono anche coinvolta nelle attività di Robert Eller Associates. Sono specializzata in prodotti chimici e plastici sostenibili per mercati diversi come quello dell’automotive (ovvero per alleggerire le carrozzerie per ridurne i consumi), gli imballaggi tecnici e il loro utilizzo di prodotti riciclati. A poco a poco si sono succedute le missioni tecniche di marketing e vendita per le aziende che offrono soluzioni positive per l’ambiente, fino agli studi svolti durante il COVID dalla mia struttura con il supporto di studenti di ingegneria di Centraliens de Marseille sugli effetti devastanti dell’inquinamento e del calore , sull’economia circolare che crea posti di lavoro e riutilizza i nostri rifiuti ma anche le risorse. Attualmente sono in fase di ricerca per la commercializzazione di apparecchiature innovative per la dissalazione dell’acqua di mare, 25 anni fa vi avrei già detto che bisognava cambiare paradigma, petrolio dovevamo tenerlo per il petrolchimico, chiudendo il buco nel strato di ozono il più rapidamente possibile, le piogge acide stavano già devastando le foreste al confine con Francia Germania… L’Europa è ora una delle regioni più colpite dal riscaldamento globale.

Club Italia-Francia : Qual è la sfida principale dell’Economia Energetica oggi?

Myriam Massiani : Il risparmio energetico racchiude due problemi cruciali, le emissioni attraverso l’uso di combustibili fossili di gas serra meglio conosciuti come CO2 e il controllo europeo degli approvvigionamenti, dei costi e dell’inflazione… Influiscono frontalmente su imprese, consumatori e governi. La siccità che stiamo vivendo, se dovesse insorgere, renderebbe ancora più complesso il problema dell’equilibrio tra sicurezza alimentare ed energia. Le centrali nucleari di ultima generazione stanno progressivamente entrando nella classificazione delle energie rinnovabili ma sollevano la questione dello smaltimento delle scorie nucleari ad alta concentrazione radioattiva. Le nuove centrali elettriche entreranno in funzione entro il 2040 e avranno quindi effetto solo nella seconda metà del secolo, il che non fornirà una rapida soluzione alle sfide del riscaldamento globale. Il risparmio energetico è quindi fondamentale e sono possibili diverse leve da attivare.

Club Italia-Francia : È possibile conciliare crescita e transizione energetica?

Myriam Massiani : A mia volta, vorrei fare alcune domande prima di rispondere alle tue. Di quale crescita stiamo parlando? Il termine crescita dovrebbe essere chiarito, la crescita della popolazione c’è nel mondo. La crescita dei consumi praticata oggi continua con tanti prodotti di bassa qualità che dopo una momentanea soddisfazione lascia una frustrazione, questo tipo di crescita lì genera sprechi, e la coorte dell’obsolescenza pianificata e delle loro frustrazioni… Ma una crescita sostenibile con margini sostenibili è possibile.

Il consumo di energia, che continua a crescere sulle risorse fossili, per ragioni ambientali e di disponibilità, deve diminuire. Per questo abbiamo molte leve da attivare: la scelta e le sovvenzioni dei settori energetici in cui governi, investitori, fornitori di energia sono le forze trainanti, l’ottimizzazione dell’efficienza energetica e la filiera in cui le aziende hanno un ruolo di primo piano. Commercianti e consumatori devono anche tenere traccia di tutte le perdite di energia. I nostri stili di vita stanno cambiando, gli standard di benessere devono cambiare riscaldamento e aria condizionata (cioè 17 gradi in inverno e 26 gradi in estate). Il telelavoro deve essere generalizzato recuperando l’energia emessa dai data center. Le emissioni di gas legate all’allevamento possono essere catturate e recuperate, il ritorno sul mercato di prodotti a bassa tecnologia e veicoli a minor consumo energetico sviluppati e dispiegati.

Ma la transizione energetica richiede quantità crescenti di materie prime, ovvero metalli rari. Senza padroneggiare l’economia circolare su larga scala, sarà impossibile mettere in atto soluzioni durature nel poco tempo a disposizione degli Stati che stanno affrontando i problemi di debito creati dalla crisi del COVID. il finanziamento delle energie rinnovabili deve essere una priorità. Se diventiamo seri su tutti questi punti, penso che una crescita redditizia sia compatibile con lo sviluppo delle energie rinnovabili a cui si aggiungono Idrogeno ed EPR e si torna a “Think global be Local”.

Club Italia-Francia : Nel mondo dell’imprenditoria, nonostante gli annunci, c’è una certa sfiducia nei confronti della transizione e del risparmio energetico, per quali motivi secondo lei?

Myriam Massiani : Penso che ci aspettiamo molto, a volte troppo dalle aziende, ma serve anche un salto umanistico dagli azionisti e dai manager di alcune aziende. La transizione implica l’instaurazione di un nuovo equilibrio, da qui forse questa sfiducia nel cambiamento. L’ottimizzazione dei processi di filiera sono tra le prime fonti di risparmio energetico e di emissioni di gas serra. L’obiettivo dovrebbe essere quello di modificare le incoerenze del sistema, quando molte pratiche all’interno dell’azienda devono essere rivalutate. I piani aziendali sostenibili strategici sono strumenti potenti per guidare e bilanciare una linea di profitti redditizia. Con il cambiamento climatico, la gestione del rischio si aggiunge ai vincoli produttivi del trasporto di stoccaggio, aziende e cittadini si troveranno ad affrontarli sempre più frequentemente. L’accento deve essere posto sul riutilizzo e sul recupero, il che ci porta a parlare di economia circolare, giusto?

Club Italia-Francia : che ruolo può avere l’economia circolare nell’economia di una nazione?

Myriam Massiani : Ricordiamo che ciò che è racchiuso nel termine Economia Circolare inizia con la lettera R per Recupero Differenziato, R per Riutilizzo del prodotto senza trasformazione (es. tessili o altri oggetti di telefonia di seconda mano), R con Riparazione & Ricondizionamento ( ie elettrodomestici, veicoli), R per il riciclaggio ie fibre tessili, R rivalutazioni… Fino a una fase finale di R Ritorno alle molecole iniziali (es. plastica, fibre tessili) R per Resynthesizing (es. combustibili, fibre. Attualmente è diventata consuetudine per il la maggior parte dei prodotti, ovvero bottiglie di plastica, componenti automobilistici ed elettronici, per inviare questi residui di fine vita in Africa o in Asia dove i canali di demolizione professionale non sono sufficientemente professionalizzati.

Solo una piccola parte rimane in Europa dove i canali di recupero in fase di sviluppo non sono ancora sufficientemente distribuito per elaborarli. Immagina le possibilità offerte agli imprenditori in termini di disponibilità di materie prime, creazione di posti di lavoro, sviluppo e immagine. L’economia circolare ci dà il tempo di implementare prodotti ed energie alternative rinnovabili, che aiuta a colmare la carenza di materie prime necessarie per la crescita e la sovranità nei confronti dei fornitori esterni. In sintesi L’economia circolare gioca e continuerà a svolgere un ruolo di primo piano nelle nostre economie.

Club Italia-Francia : Vede grossi problemi strutturali nella conduzione della transizione?

Myriam Massiani : La transizione ambientale ed energetica richiede governance e trasparenza. Contribuiscono al PIL, il cui computo include il trasporto, i prodotti le cui fasi di produzione, montaggio, stoccaggio e vendita al cliente finale sono svolte in luoghi distanti tra loro dove transitano su tutte le rotte aeree, terrestri e marittime. Penso che il trasporto non dovrebbe essere una componente del calcolo. Questi processi sono emettitori di CO2. Il loro costo ambientale non viene contabilizzato perché non sussiste ancora l’obbligo di contabilità verde raccomandato dalla CSR Responsabilità Sociale ed Ecologica delle imprese e degli enti. I gas serra ei rischi associati hanno già un costo crescente per l’uomo, gli edifici, la natura, gli investimenti… Questi costi devono essere forniti e recuperati da una gestione responsabile della catena di approvvigionamento e da altre gestioni delle emissioni di GHG.

written byGiovanni D'Avanzo
Giovanni D'Avanzo

16 Marzo 2020

advertising