Interviste

Michel Maffesoli

Sociologo

Michel Maffesoli, sociologo. È professore emerito alla Sorbona e membro dell'Institut Universitaire de France.

Michel Maffesoli è noto per aver sviluppato le sue ricerche sulla questione del legame sociale della comunità, della prevalenza dell'immaginazione e della vita quotidiana nelle società contemporanee, contribuendo così all'approccio del paradigma postmoderno.


Club Italia-Francia : Il suo ultimo libro “La Nostalgie du sacré” (che sarà pubblicato a febbraio) esamina il ritorno della religione nella nostra società e denuncia un certo pessimismo. Quali sono le cause di questo pessimismo nella società moderna?

Michel Maffesoli : In effetti, nel mio libro che sarà pubblicato a marzo, “La Nostalgie du sacré” (Editions du Cerf, 2020) mostro che al di là del razionalismo che è stato il segno specifico dei tempi moderni, vediamo riapparire oggigiorno un appetito per il religioso e il sacro, in tutte le sue forme. È interessante notare che questo ritorno al sacro è particolarmente evidente tra le giovani generazioni. Questi, sono attratti dai valori corporei, dall’edonismo ambientale e allo stesso tempo sono affascinati dal misticismo e dallo spirito nel suo senso più ampio. Questo è ciò che attraverso un ossimoro ho definito un materialismo mistico. È certo che i sostenitori della “società ufficiale”, che rimangono sulla scala dei valori propri della modernità, hanno difficoltà a capire cosa stia succedendo nella postmodernità, e qui nasce il loro pessimismo. Ma dobbiamo essere attenti al fatto che sono essenzialmente le giovani generazioni che costituiscono la società di domani: abbiamo interesse ad essere attenti.

Club Italia-Francia : Lei è il padre del concetto di postmodernità: vale a dire una sorta di rinascimento che segna di conseguenza l’indebolimento dei valori moderni. Quindi cosa significa “essere postmoderno”?

Michel Maffesoli : Nel mio libro “Essere Postmoderni” (Éditions du Cerf, 2018), mostro che un’era sta volgendo al termine. Questa era moderna, iniziata nel 17 ° secolo con il cartesianesimo, rafforzata nel 18 ° secolo con la filosofia dell’Illuminismo e sistematizzata nel corso del 19 ° secolo con la creazione di sistemi sociali, sta lasciando il posto alla postmodernità. In generale, è interessante notare che quando guardiamo la storia dell’umanità ci rendiamo conto che ogni decadenza è seguita da una forma di rinascita. Quindi la scala di valori che era quella della modernità, dell’individualismo, del razionalismo, del progressismo sta lasciando il posto a una serie di valori alternativi caratterizzati dall’emergere dell’ideale comunitario, l’importanza dell’emotività e l’attenzione al presente. È questo passaggio da un insieme di valori a un altro che ho cercato di analizzare per molti anni e il cui riassunto può essere trovato nel mio libro Essere postmoderni.

” In generale, è interessante notare che quando guardiamo la storia dell’umanità ci rendiamo conto che ogni decadenza è seguita da una forma di rinascita.”

Club Italia-Francia : Lei ha affermato: “Secondo me, siamo alla fine di un’era. È la fine di un mondo. Non la fine del mondo “. Che ruolo ha avuto la tecnologia nel tramonto dell’era moderna e dei suoi valori?

Michel Maffesoli : Se seguiamo le analisi di Max Weber, L’etica protestante e lo spirito del capitalismo o quelle di Thomas Kühn, ci rendiamo conto del fatto che la tecnologia ha contribuito a disincantare il mondo. In particolare isolando gli individui gli uni dagli altri e privilegiando la razionalità che è sistematizzata nel razionalismo. Paradossalmente, si scopre che contemporaneamente, e questo è ciò che caratterizza l’era postmoderna, questa stessa tecnologia sta ri-incantando il mondo. In particolare, il 70% del traffico Internet non è altro che funzionale, ma sottolinea riflessioni divertenti, filosofiche o religiose. È in questo senso che ho indicato che la “fine di un mondo non è la fine del mondo”: vediamo riemergere un modo di stare insieme che possiamo chiamare olistico in quanto mobilita non una caratteristica umana, ma l’insieme di parametri che costituiscono tutti gli individui e la società nel suo insieme.

Club Italia-Francia : In Francia i gilets jaunes, in Italia le sardine. Le strade in Europa sono invase dai manifestanti. Da dove viene questa sfiducia nelle élite che attraversa non solo l’Europa ma il mondo intero?

Michel Maffesoli : Possiamo osservarla ovunque nel mondo. I gilets jaunes in Francia e le “sardine” in Italia sono particolarmente caratteristici di queste rivolte popolari, queste insurrezioni, contro le élite contemporanee. Siamo solo all’inizio di questo processo in cui il disaccordo tra il popolo e le élite diventerà sempre più importante.

Club Italia-Francia : Nel Suo libro “Essere postmoderno” riflette sul concetto di lavoro. Oggi la mancanza di lavoro è causa di sofferenza per molte persone. Qual è l’evoluzione che stiamo attraversando?

Michel Maffesoli : Tra le caratteristiche specifiche della modernità, troviamo in primo luogo quello che siamo soliti chiamare “valore del lavoro”. Da Kant a Karl Marx, il lavoro è ciò che permette “l’autorealizzazione e la realizzazione del mondo”. È importante notare che questo valore di lavoro, contemporaneo, soprattutto per le giovani generazioni, non occupa più lo stesso posto di allora. Sentiamo spesso dire, che non ci si realizza più attraverso il lavoro. Invece, vediamo emergere l’importanza della creazione e della creatività. La moltiplicazione del numero di imprese, a volte effimere, ma non per questo meno reali, è una buona indicazione per comprendere il passaggio che sta avvenendo tra lavoro e creazione. Questo è uno sviluppo importante al quale dobbiamo prestare attenzione e che segnerà sicuramente profondamente la post-modernità.

” La moltiplicazione del numero di imprese, a volte effimere, ma non per questo meno reali, è una buona indicazione per comprendere il passaggio che sta avvenendo tra lavoro e creazione.”

Club Italia-Francia : Un altro punto di rottura tra le élite e il popolo è il deterioramento dei servizi pubblici. Il cittadino paga le tasse, ma sente che il suo denaro non viene utilizzato correttamente. Lo Stato è ancora in grado di gestire la macchina dei servizi pubblici nell’era della globalizzazione? “L’anarchia è ordine, senza lo stato”. Stiamo andando verso un’era di anarchia in cui lo stato scomparirà?

Michel Maffesoli : È certo che la dimensione verticale specifica del servizio pubblico e del mito del progresso sta lasciando il posto a un altro modo di stare insieme. La formula di Elisha Reclus, “l’anarchia è ordine senza stato” caratterizza bene ciò che sta accadendo nella vita sociale. Ritorno di strutture proxy, nuove forme di solidarietà o nuove forme di generosità che grazie ad Internet, si stanno sviluppando. Non bisogna dimenticare che l’ideologia del servizio pubblico che, dal XIX secolo in poi, ha caratterizzato la vita nella società, è diventata un corpo particolarmente astratto che non ha nulla a che fare con la vita sociale nel suo insieme. Le rivolte di cui abbiamo parlato sono le forme parossistiche di questa evoluzione.

Club Italia-Francia : Oggi assistiamo a una specie di denigrazione della cultura classica. In un mondo sempre più dominato dalla tecnologia, le lettere hanno pochissimo spazio. Qual è l’importanza della tradizione greco-latina per l’interpretazione degli eventi attuali? Forse è la mancanza di conoscenza delle élite che impedisce loro di interpretare correttamente i problemi del nostro tempo? Penso in particolare alla Francia e all’Italia, la cui cultura classica permea ancora la nostra vita quotidiana …

Michel Maffesoli : Come ho indicato in un libro intitolato “Postmodernità nell’era digitale” (edizioni François Bourin, 2016), possiamo osservare che la cultura classica derivante dalla nostra tradizione greco-latina è in procinto di riacquistare ancora un posto di primo piano. Per quanto possiamo notare che il latino e il greco sono deliberatamente accantonati nell’insegnamento ufficiale, possiamo anche osservare un innegabile appetito per i dibattiti che costituiscono questa cultura classica. Ancora una volta mi riferisco a quello che definirei un “trucco tecnico” che fa si che più gruppi sociali, reti e forum affrontino questi temi che la scuola ufficiale ha dimenticato. Ritorniamo cosi al dibattito  spirituale, culturale, tutto ciò che enfatizza un nuovo ordine simbolico nel processo decisionale.

” La cultura classica derivante dalla nostra tradizione greco-latina è in procinto di riacquistare ancora un posto di primo piano.”

Club Italia-Francia : Il suo cognome indica origini italiane. Lo rivendica spesso? Che ruolo hanno avuto le Sue origini nella Sua vita?

Michel Maffesoli : In effetti, il mio cognome evidenzia chiaramente il lignaggio italiano che è il mio.  I vari libri che ho scritto, le varie conferenze che ho tenuto in giro per il mondo, tutto questo poggia, in lontananza, sui valori italiani: l’edonismo, il senso di comunità e l’importanza del presente, che possono essere riassunti attraverso la formula latina: Carpe diem.

Club Italia-Francia : Oggi il tema della diversità è molto attuale. Non solo in Francia, ma in tutta Europa. Non dimentichiamo che il motto dell’Unione Europea è “In varietate concordia” “Uniti nella diversità”. È davvero possibile raggiungere la coesione attraverso la diversità e come? Per ora, le differenze sono spesso la fonte di disparità …

Michel Maffesoli : Una delle importanti specificità della post modernità è, in effetti, la diversità o per indicarla più correttamente, il multiculturalismo. Certamente ci sono una serie di elementi che sottolineano la standardizzazione del mondo, ma allo stesso tempo vediamo lo sviluppo delle specificità culturali e dei vari modi di vivere, su base giornaliera. Per dirla in modo colorato, penso che la figura del mosaico sarà l’elemento che meglio potrà descrivere la post-modernità. Vale a dire una coesione sociale, ma ogni tribù, ogni regione diventa elemento importante. Questo è ciò che ho chiamato, come il Sacro Romano Impero, il ritorno dell’idea imperiale. Si noti che lo spostamento degli studenti in tutta Europa è certamente una garanzia di questa diversità.

” C’è davvero una stretta vicinanza tra Italia e Francia. Se questa collaborazione fosse rafforzata e sviluppata, potrebbe rilanciare il progetto europeo.”

Club Italia-Francia : Lei pensa che Francia e Italia abbiano valori comuni? In effetti, molti italiani – o con origini italiane – sono diventati personaggi importanti in Francia pensiamo ad esempio a Enrico Letta, Maurizio Serra, Carlo Ossola e molti altri (ed è lo stesso per i francesi in Italia). Secondo Lei, la cooperazione franco-italiana potrebbe essere una risorsa importante e dovrebbe essere ulteriormente rafforzata per rilanciare il progetto europeo?

Michel Maffesoli : C’è davvero una stretta vicinanza tra Italia e Francia. E questo, sia culturalmente che economicamente. Si noti che questa complementarità o vicinanza proviene da molto lontano e anche se ha conosciuto momenti meno forti, possiamo pensare che attraverso i giovani, questo rapporto riacquisterà forza e vigore innegabili. Se questa collaborazione fosse rafforzata e sviluppata, potrebbe rilanciare il progetto europeo. Molte indicazioni puntano in questa direzione, possiamo sperare che possano condurre concretamente a rafforzare la solidarietà tra questi due Paesi. 

written byDaisy Boscolo Marchi
Daisy Boscolo Marchi

12 Febbraio 2020

advertising