Kiko Make Up Milano conquista la Francia


Nella Patria del profumo e del maquillage, Kiko Make Up Milano ha conquistato il podio più alto nelle preferenze del pubblico giovanile francese.

Creata nel 1997 come marca di trucchi e venduta nelle profumerie, Kiko Make Up Milano è diventato un vero e proprio marchio nel 2005. Fondata a Bergamo dal gruppo italiano Percassi, professionista nel campo immobiliare commerciale e nel franchising d’abbigliamento, Kiko oggi rappresenta la prima marca di maquillage in Italia, con oltre 280 negozi.

Definita appunto “category killers”, ossia un negozio specializzato che ha avuto sin da subito un forte impatto nel mercato francese Kiko ha saputo svilupparsi in maniera esponenziale all’interno di un’aera competitiva che vede giganti come H&M, L’Oreal, Etam, Monoprix

Senza pubblicità e comunicazione, Kiko si è sviluppato in Francia, nei centri commerciali e nelle vie più importanti. Secondo l’analisi condotta da Kantar World Panel, citata da «Cosmetiquemag», l’11% delle ragazze tra i 15 e i 24 anni acquista Kiko.

Numeri chiave di Kiko Make Up Milano

  • 16.600 euro al metro quadro. Nel 2012 ottiene il titolo di Enseigne d’Or de la Performance
  • 600 è il numero di nuovi prodotti lanciati ogni anno
  • I negozi, hanno una superficie che va dai 50 agli 80 metri quadri e realizza in media 20.000 euro al metro quadro all’anno, di cui la metà proveniente da un pubblico con età tra i 15 e i 24 anni
  • Ogni negozio genera tra i 600 000€ e i 2 milioni di euro di fatturato, ossia il doppio di una profumeria classica con semplicemente la metà come superficie

Diversi gruppi sono interessati all’acquisto del gruppo come L’Oreal, H&M. Nei grandi magazzini come Sephora, Kiko riesce a captare una parte sempre più crescente di clientela giovane.

In Francia ha aperto ben 122 negozi in soli quattro anni. I proprietari dei centri commerciali vogliono Kiko. Alcun progetto commerciale viene realizzato senza la presenza di Kiko. Sempre in Francia il fatturato del 2013 è stato di 72 milioni di euro e nel 2014 dovrebbe aver raggiunto i 100 milioni. A livello mondiale, grazie alla sua rete di 650 negozi (essenzialmente in Europa, ma anche negli USA e presto in Medio Oriente e Brasile) Kiko realizza 480 milioni di vendite nel 2013 ed un margine operativo del 20%.

Edoardo Secchi