Club Italie-France: Xavier Iacovelli

Xavier Iacovelli

Club Italie-France: La sua prima battaglia è stata contro l’ascesa del nazionalismo, in particolare il FN nel secondo turno delle elezioni presidenziali del 2002. Gli estremi ti preoccupavano di più ieri o oggi? La pandemia di Covid-19 rischia di rafforzare i partiti populisti come il FN in Francia o la Lega in Italia?

Xavier Iacovelli: I partiti di estrema destra stanno crescendo in tutta Europa. Ovviamente oggi sono più preoccupanti di ieri. Il 21 aprile 2002, quando Jean-Marie Le Pen arrivò al secondo turno delle elezioni presidenziali, fu una “sorpresa” o addirittura un “errore”. I motivi erano tanti, penso in particolare alla dispersione della sinistra al primo turno. La differenza è che ieri, quando un partito di estrema destra è arrivato al secondo turno delle elezioni presidenziali, milioni di persone sono scese in piazza per gridare il proprio dissenso. Oggi sono perfettamente integrati nel campo politico e nessuno lo contesta. Ad esempio, durante le elezioni presidenziali del 2017, tutti erano d’accordo sul fatto che Marine Le Pen sarebbe stata al secondo turno e la domanda che si è posta era chi l’avrebbe affrontata per vincere.

Lo sfondamento degli estremi ovunque in Europa e soprattutto in Italia trova la sua fonte nella sofferenza delle persone, è innegabile. Le disuguaglianze si allargano, i territori si sentono abbandonati, molte fabbriche chiudono. L’estrema destra si nutre dei fallimenti dei governi che si sono succeduti e delle sofferenze delle persone, senza mai fornire risposte concrete per porvi rimedio. Questa è l’essenza del populismo. Per rispondere alla tua domanda, ovviamente gli estremi mi preoccupano oggi più di ieri poiché si stanno progressivamente imponendo nella mente delle persone. L’unica risposta è politica. Dobbiamo, in Francia, in Italia e ovunque in Europa, attuare politiche ambiziose per cambiare la vita delle persone, ridurre le disuguaglianze e consentire a tutti di avere un lavoro, un alloggio dignitoso e prospettive future fin dalla più giovane età.

Club Italie-France: L’infanzia e la disabilità sono temi che le stanno molto a cuore. Si sente molto parlare degli effetti che la pandemia avrà sulle nostre economie, ma meno di come potrà impattare sui più deboli. Pensa che l’Unione europea avrà un ruolo da svolgere in questo?

Xavier Iacovelli: La crisi del COVID-19 aumenta le disuguaglianze e pesa maggiormente sui più vulnerabili. Con il confinamento della popolazione, aumentano i rischi di violenza intrafamiliare e lo possiamo vedere in particolare basandoci sui dati del 119 – Allô Enfance en Danger. Le persone con disabilità sono più colpite rispetto al resto della popolazione dalle restrizioni legate alla crisi e gli sconvolgimenti nel loro stile di vita possono aumentare la loro disabilità. Nel complesso, la pandemia avrà notevoli conseguenze sociali e più in particolare sui più vulnerabili tra noi.

Per quanto riguarda la protezione dei minori, ogni Paese ha, attraverso la sua storia, la sua dottrina ed è importante che questa sia preservata. Gli Stati devono, in questa materia, mantenere un ruolo di primo piano perché sono, a mio avviso, i più capaci di lavorare per realizzare politiche pubbliche ambiziose rivolte alle popolazioni vulnerabili. In un certo numero di testi, la disabilità e l’infanzia sono al centro delle preoccupazioni dell’Unione europea: penso in particolare al Trattato di Amsterdam, che consente l’emergere di una vera politica europea. Dobbiamo andare oltre perché l’Unione europea ha un ruolo da svolgere nel “dopo” COVID-19. Deve guidare le politiche pubbliche e promuovere la cooperazione tra gli Stati membri per garantire un’equa protezione dei cittadini.

In ogni caso, la crisi sanitaria lascerà il segno in Europa, sia economicamente che socialmente. È dovere dell’Unione Europea ascoltare le richieste di solidarietà provenienti dai Paesi più colpiti dall’epidemia e, così, ridare fiducia alle sue istituzioni e alla sua utilità. Dal mio racconto, sono rimasto molto colpito dalle immagini che sono arrivate dall’Italia all’inizio della crisi sanitaria. La mia prima sensazione è stata la tristezza. Mi sono detta “come mai l’Italia è rimasta sola in questa drammatica situazione? “. E’ in particolare grazie alla solidarietà delle nazioni di tutti i continenti che l’Italia ha saputo far fronte a questa situazione, come ha ricordato la presidente del Senato italiano, Maria Elisabetta Casellati in un’intervista al quotidiano “Le Monde”.

Club Italie-France: La pandemia ci ha dimostrato che abbiamo bisogno dell’Europa, e soprattutto di un’Unione all’altezza delle sfide del futuro. In quali ambiti Francia e Italia hanno interesse a collaborare per condizionare positivamente il dibattito e il progresso all’interno dell’Unione Europea?

Xavier Iacovelli: Da quando mi occupo di politica, mi batto per un’Europa sociale. Oggi l’Unione europea è colpita da un’ondata euroscettica e populista in diversi paesi. Per la storia che lega Francia e Italia, penso che sarebbe nel nostro interesse portare avanti un discorso sociale, umanista e progressista per l’Unione Europea. L’Unione Europea non può ridursi a “ingiunzioni” agli Stati membri riguardo, ad esempio, al deficit pubblico. Dobbiamo muoverci verso un’armonizzazione sociale e fiscale verso l’alto e proteggere meglio i cittadini degli Stati membri. Siamo a una svolta storica e la crisi ce lo dimostra ogni giorno con la sua grandezza. L’Europa deve essere all’altezza della situazione. L’Italia e la Francia, in quanto membri fondatori dell’Unione Europea, hanno un ruolo importante da svolgere in questo momento storico.

Club Italie-France: Lei è molto impegnato a favore dell’ecologia e l’ambiente. Il Coronavirus ci ha ricordato che il nostro modello economico non sia sostenibile, simbolo di un mondo che va in rovina. Pensa che questa crisi possa portare a una riflessione per una nuova economia più sociale, solidale e rispettosa dell’ambiente?

Xavier Iacovelli: Dovremo innegabilmente ripensare i nostri modelli economici per adattarli alle questioni ambientali, il che significa mettere in discussione i nostri modelli di produzione. L’impatto dei nostri consumi sull’ambiente e in particolare in termini di emissioni di gas serra è notevole e le crisi ambientali che stiamo vivendo in tutto il mondo si ripeteranno. Per questo dobbiamo ripensare i nostri modelli economici e sono convinto che una sfida del genere possa essere raccolta solo a livello di Unione Europea, anche se ovviamente gli Stati dovranno fare politiche ambiziose a favore dell’ecologia. Quando il primo ministro Edouard Philippe ha pronunciato il suo discorso di politica generale al Senato nel luglio 2019, ho avuto la sensazione che fosse pienamente consapevole di questa realtà. Il mio ruolo di legislatore sarà quello di promuovere e proporre politiche pubbliche in questo senso. In effetti, penso che questa crisi abbia generato una consapevolezza europea della necessità di mettere le questioni sociali e ambientali al centro delle nostre decisioni. Ora dobbiamo passare dalle parole ai fatti.

Club Italie-France: Lei è il primogenito di quattro figli della terza generazione di immigrati italiani. Che rapporto ai con l’Italia? Cosa le piace dell’Italia?

Xavier Iacovelli: Mio nonno è arrivato in Francia all’età di 17 anni. Sono il più grande del suo primo figlio. Porto quindi il suo nome, Riccardo. Fin da piccolo sono stato molto legato a mio nonno e fin dall’adolescenza ero io che lo accompagnavo ogni anno in Italia, a Trani in Puglia. Tra i nipoti, io sono quello più legato a questa regione ea questa città portuale di Trani che è ricca di aneddoti che mio nonno mi ha raccontato sulla sua infanzia e sulla sua famiglia. Dopo la sua morte, continuo ad andarci ogni anno. Sono nata in Francia ma ogni volta che vado in Puglia provo una sensazione particolare, quella di tornare alle origini. È un rapporto carnale con la terra della mia famiglia che cerco, oggi, di trasmettere ai miei figli. Quello che mi piace di più in Italia è la sua gente, con la voce alta, con questo senso della famiglia che non ha mai lasciato il mio in Francia. Amo la sua cultura, la sua storia, la sua ricca architettura e la sua lingua.

Club Italie-France: Lei è membro del gruppo di amicizia Francia-Italia: quali sono secondo lei le priorità dell’asse franco-italiano? Ci sono programmi, discussioni o missioni al Senato sulla cooperazione franco-italiana?

Xavier Iacovelli: Il ruolo principale del gruppo di amicizia Francia-Italia al Senato è quello di rafforzare la diplomazia parlamentare tra i nostri due Paesi. Organizziamo riunioni e riunioni di lavoro con delegazioni di parlamentari, ambasciatori e altri funzionari. Credo pienamente nella forza della diplomazia parlamentare perché contribuisce a rafforzare i legami tra Francia e Italia ea promuovere la cooperazione tra i nostri due Paesi. Per quanto riguarda le priorità dell’asse franco-italiano, penso alla promozione delle nostre due culture così vicine tra loro. Dobbiamo promuovere gli scambi tra i nostri due Paesi e non penso solo a questioni economiche. Da piccola ho avuto la possibilità di andare regolarmente in Italia e l’immersione in questa cultura mi ha profondamente trasformata. La priorità deve essere soprattutto culturale: permettere ai bambini e ai giovani di scoprire la cultura italiana o francese nell’ambito dei loro percorsi scolastici e universitari. Questo è già il caso dell’Erasmus, ma credo che possiamo fare di più.

Club Italie-France: Il 27 febbraio Emmanuel Macron ha dichiarato a Napoli di voler rilanciare il Trattato del Quirinale. Come rafforzare la collaborazione di Italia e Francia, forse trascurata da troppo tempo?

Xavier Iacovelli: La Francia è il secondo cliente e il secondo fornitore dell’Italia. I nostri due paesi sono importanti partner economici. Ad esempio, l’Italia è il principale importatore di prodotti agricoli, forestali, della pesca e dell’acquacoltura francesi ed è un mercato privilegiato per gli autoveicoli francesi. Ogni anno vengono premiate aziende francesi e italiane, a dimostrazione del fortissimo rapporto economico che lega i nostri due Paesi. Emmanuel Macron desidera rafforzare la cooperazione tra Francia e Italia fornendo un quadro stabile e più ambizioso, in particolare per quanto riguarda la cultura e l’industria, settori importanti della nostra cooperazione. Non ci è sfuggito che i rapporti tra Francia e Italia sono stati talvolta tesi negli ultimi anni, soprattutto da quando Matteo Salvini ha occupato un posto importante nella scena politica italiana. Ma la Francia e l’Italia hanno una storia singolare, quasi unica. Sostengo pienamente la volontà del Presidente Macron e di Giuseppe Conte di rafforzare i legami che ci uniscono.

Club Italie-France: Secondo lei, quali sono i settori concreti in cui Francia e Italia dovrebbero creare alleanze strategiche per proteggere il proprio ecosistema economico dai giganti asiatici?

Xavier Iacovelli: Dovremmo creare alleanze strategiche nel campo digitale e nella ricerca scientifica. Abbiamo una serie di esempi di questo. Ad esempio, abbiamo un programma d’azione che mira a sviluppare gli scambi scientifici e tecnologici di eccellenza tra i laboratori di ricerca dei due Paesi, favorendo la mobilità dei giovani talenti. Funziona sul clima o sull’intelligenza artificiale. A proposito di ricerca e innovazione, potrei citare anche il programma “Young Entrepreneur Initiative” organizzato dall’Ambasciata di Francia in Italia e che sostiene le giovani startup. Queste sono aree strategiche e dobbiamo promuovere la cooperazione e le alleanze tra i nostri due paesi per affrontare la concorrenza, in particolare dall’Asia.

Club Italie-France: quali sono le sue attuali priorità da senatore? Che progetti ha per il futuro? Le piacerebbe partecipare allo sviluppo di un progetto franco-italiano?

Xavier Iacovelli: Il mio impegno primario, come hai detto, è a favore della tutela dei minori. Questa è la mia battaglia principale, quella che mi spinge da più di un anno e mezzo e la crisi sanitaria che stiamo vivendo ha mostrato ancora una volta le disfunzioni e le disparità che esistono all’interno dell’assistenza sociale nell’infanzia. Il problema è che oggi abbiamo 101 diverse politiche di protezione dell’infanzia. Un bambino non ha le stesse cure negli Hauts-de-Seine come a Parigi o al Nord. A settembre 2019 ho presentato un disegno di legge per porre rimedio a questa situazione, cofirmato da senatori di quasi tutti i gruppi politici. Spero che venga esaminato rapidamente perché migliorerà la vita quotidiana di queste migliaia di bambini. Di recente sono entrata a far parte della commissione per gli affari sociali perché la disabilità e la tutela dei minori sono i miei due ambiti di riflessione. Per la mia storia personale e per le mie radici familiari, intendo impegnarmi nel gruppo di amicizia Francia-Italia al Senato per sviluppare la diplomazia parlamentare tra i nostri due Paesi. Come ho accennato, i legami che uniscono i nostri due Paesi sono speciali e indissolubili. Continuerò a lavorare, nel mio umile posto, per facilitare e rafforzare i legami che ci uniscono.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©

Intervista del

2 Aprile

Informazioni

Politico
Senatore
Daisy Boscolo Marchi - Club Italie-France - Manager
A cura di
Daisy Boscolo Marchi