Club Italie-France: Raymonde Bonnefille

Raymonde Bonnefille

Club Italie-France: Lei è normalienne, biologa, geologa e palinologa. Una prima domanda: cos’è la palinologia? Cosa ci dicono i pollini?

Raymonde Bonnefille: La palinologia è lo studio del polline. Il polline dei fiori è costituito da milioni di granelli microscopici che trasportano la cellula riproduttiva maschile delle piante per la fecondazione dei fiori. Questi oggetti microscopici sono protetti da un involucro molto resistente che può essere conservato per migliaia o milioni di anni. Quello che stiamo studiando è quindi solo l’involucro: ha caratteristiche, disegni, piccole aperture e tutto questo è caratteristico della pianta e della specie che lo ha prodotto. È quindi l’identificazione delle piante dal loro polline. Dallo studio dei pollini possiamo sapere quale pianta è cresciuta in un dato ambiente.

Club Italie-France: Il titolo del suo lavoro è “Sulle orme di Lucy”. Lucy è chiaramente il più grande simbolo che rappresenta la necessità per l’uomo di sapere da dove viene e chi è. Il tuo viaggio è stato guidato da questo desiderio di riscoprire le nostre origini? O piuttosto uno spirito di avventura?

Raymonde Bonnefille: Il mio background non è una vocazione infantile o adolescenziale. Ho seguito, nelle scuole della Repubblica, il percorso che portava i “buoni studenti” alla professione di insegnante. Quindi sono stato programmato per insegnare, cosa che ho fatto per due anni. Reclutato al CNRS (fu grazie agli incontri, prima con gli archeologi e poi con il paleontologo Yves Coppens, che ebbi la possibilità di lavorare in Etiopia e poi in Africa. A quel tempo non volevo passare la vita a fare un lavoro ripetitivo e la voglia di nuovi orizzonti è stato lo stimolo, ho avuto anche un grande privilegio: ero un impiegato e un funzionario pubblico, il che mi ha permesso di affrontare un argomento che all’epoca era molto pionieristico. la palinologia è stata utilizzata per le regioni temperate ma non per quelle tropicali, ho semplicemente seguito le mie intuizioni e il caso ha fatto il resto.

Club Italie-France: Lei non era presente il giorno in cui Lucy è stata scoperta. Puoi descrivere come ti sei sentito non appena hai saputo della scoperta? E come hanno “celebrato” i team questa scoperta? Lo spirito di squadra ha sempre la precedenza sul lavoro personale?

Raymonde Bonnefille: In effetti, ero presente con la squadra sul campo, ma il giorno della scoperta sono dovuto andare a trovare un collega che non conosceva la pista per raggiungere il sito del nostro campo. Sono tornato a tarda notte e nel libro dico che il cuoco che avevo reclutato era ubriaco fradicio. C’era eccitazione: moderata. Ovviamente il team ha scattato delle foto, compresa quella dei due capi spedizione presenti in quel momento. Nello spirito di squadra c’è necessariamente la sensazione di aver condiviso momenti eccezionali, anche storici e di aver contribuito a una scoperta importante. Fu il risultato di un gruppo di giovani ricercatori entusiasti e motivati, con mezzi finanziari limitati, e del più esperto professor Yves Coppens che aveva precedentemente guidato un’altra grande spedizione. Siamo rimasti stupiti e orgogliosi. L’antropologo americano DC Johanson approfitterà della sua scoperta per iniziare una carriera accademica professionale e creare un “Institute on the Origin of Man” negli Stati Uniti.

Club Italie-France: Lei è stata reclutata da Yves Coppens e sei una delle rare donne ad aver preso parte alle spedizioni in Etiopia. In un passaggio del suo libro, che descrivi come Yves Coppens, avrebbe confidato alla tua regista Henriette Alimen (parlando di te) “Dovrebbe tenere duro”. Era sicuramente il desiderio da parte sua di proteggere un giovane ricercatore. Essere una donna è stato difficile a volte nella sua vita di ricercatrice? Si è mai sentita discriminata?

Raymonde Bonnefille: Non sto accusando Yves Coppens di essere stato sessista: non lo è affatto e mi ha dato la possibilità di vivere questa grande esperienza in Africa e di partecipare alla ricerca sulle nostre origini. Henriette Alimen aveva lavorato nel Sahara e sapeva che lavorare in queste regioni può essere molto difficile. Fisicamente è abbastanza faticoso. Per quanto riguarda la discriminazione, ho sempre mantenuto il mio lato femminile, ma senza mai cadere nella provocazione. Non ricordo alcuna discriminazione, forse ho avuto la fortuna di lavorare con persone di qualità. Non ho mai avuto i problemi di cui sento parlare oggi, e questo, né dai miei colleghi, né dagli africani. Eravamo davvero amici. Nel campo americano è stato un po’ più difficile per me, ma ho sempre sentito una certa forma di rispetto per me stesso. Era l’epoca dei “Movimenti di liberazione delle donne”. La difficoltà per me era piuttosto quella di essere solo e di non avere nessuno con cui condividere i problemi della vita quotidiana. Ricordo una volta che ero malato: nessuno veniva a trovarmi. Non è sempre facile… Non volevo lamentarmi o avere favoriti, ma la solitudine e la mancanza di dialogo a volte erano difficili nonostante la benevolenza dei miei colleghi. D’altra parte, la battaglia sull’accessibilità delle donne a posti di responsabilità, anche nel campo della ricerca universitaria, non è stata ancora vinta.

Club Italie-France: In un paragrafo del suo libro parla del legame tra il cambiamento climatico e l’evoluzione degli ominidi. Oggi il cambiamento climatico è percepito come una cosa negativa, di cui gli uomini sono responsabili, anche colpevoli. Tuttavia, ci sono stati diversi cambiamenti climatici… Possiamo tracciare un parallelo tra i vecchi cambiamenti climatici e quello di cui parliamo oggi?

Raymonde Bonnefille: La risposta è “No” per il parallelo. L’attuale cambiamento climatico, con l’importanza dell’aumento del contenuto di anidride carbonica nell’atmosfera dovuto alle attività umane, è un fenomeno eccezionale che aumenta la temperatura media globale molto rapidamente su una scala di dieci anni. Oggi conosciamo la terra nel suo universo e la termodinamica del clima globale: due calotte glaciali ai poli ei tropici che ricevono il massimo calore. In epoca geologica, la teoria astronomica (posizione del globo terrestre nel sistema solare) indica variazioni climatiche con periodicità che durano molto più a lungo del riscaldamento attuale. Sono dell’ordine di pochi secoli nel Medioevo, ma millenni o decine di millenni per altri periodi. L’attuale riscaldamento per effetto serra ha conseguenze significative sull’ambiente, lo scioglimento della calotta glaciale, il livello del mare, la distribuzione delle specie, la frequenza dei cicloni, ecc. a misura d’uomo. Tutto questo è un costo per la società. È importante agire per mantenere l’aumento della temperatura media globale al di sotto di 1,5°C.

I nostri antenati e gli uomini preistorici hanno dovuto subire variazioni climatiche che però si sono svolte in periodi molto più lunghi che hanno permesso il loro adattamento, e hanno portato a cambiamenti nel comportamento e nell’adattamento. Le mutazioni genetiche creano cambiamenti nella funzione degli organi e gli adattamenti favorevoli al nuovo ambiente vengono dopo. Così gli uomini bipedi riuscirono a sopravvivere nelle savane. Ma ci sono ancora molti interrogativi sugli effetti e le conseguenze del cambiamento climatico e sugli adattamenti della specie umana e delle nostre società. È una sfida cruciale. Ottenere risposte richiede ulteriori studi e ricerche sull’argomento.

Club Italie-France: Il suo libro è pieno di aneddoti. C’è un paragrafo dedicato ad una “parentesi sulla conquista di Mussolini”, dove descrivi la vita di un italiano che decide di restare in Etiopia dopo la sconfitta delle truppe italiane nel 1952. Descrivi la tenerezza della moglie etiope e del suo bambini e il suo amore per i paesaggi africani. La scoperta dell’Africa, culla dell’umanità, ha rivoluzionato la sua visione dell’Africa?

Raymonde Bonnefille: Sì, l’Africa mi ha segnato. Negli anni ’60, abbiamo sostenuto un ritorno alla natura, a una certa autenticità. Ci siamo ritrovati a vivere in campi lontani da ogni comodità materiale. Non so se i giovani di oggi immaginano cosa significhi vivere senza cellulare. C’erano bestie feroci dalle quali dovevamo proteggerci. Abbiamo vissuto cose molto forti in questo magnifico continente di cui amo il calore umano. È vero, non potevamo discutere con le popolazioni locali dell’Africa, ma potevamo comunicare semplicemente sorridendo. L’Africa ha una cultura molto ricca, che si è sviluppata diversamente dalla nostra, che ha esercitato su di me un certo fascino.

Club Italie-France: Le ha anche un piccolo legame con l’Italia. Infatti, leggendo il suo libro, apprendiamo che ti sei ispirato ai botanici: ricercatori italiani durante il tentativo di colonizzazione dell’Etiopia da parte dell’Italia negli anni 30. Prima del suo primissimo viaggio in Africa, ha frequentato le università italiane per assorbire le rare conoscenze già disponibili sulle piante etiopi. Che ricordi ha della sua frequentazione delle università italiane?

Raymonde Bonnefille: Ho un ricordo un po’ commosso di un grande professore di italiano a Firenze, Rodolfo Pichi Sermolli. Nel 1960 non si sapeva nulla della flora dell’Etiopia. Un professore francese della Sorbona mi disse che la mia materia era irraggiungibile. Mi ha consigliato di abbandonare il mio progetto. Durante il primo soggiorno ad Addis Abeba, venni a conoscenza del lavoro botanico del professore italiano. Aveva accompagnato una spedizione di scienziati in Etiopia e riportato a Firenze campioni di piante per scrivere il primo libro sulla vegetazione di quel paese. Così sono andato da lui per prelevare il polline da questi campioni. Quest’uomo molto eclettico (e anche molto bello) mi ha incoraggiato e mi ha detto che il mio lavoro gli sembrava molto interessante perché lui stesso aveva delle domande sull’origine della flora dell’Etiopia. Ha anche partecipato alla giuria della mia tesi. Recentemente ho avuto anche il piacere di collaborare con Margherita Mussi, archeologa dell’Università di Roma, che si è occupata dello studio del sito preistorico di Melka Kunturé dove mi sono recato per la prima volta in Etiopia. Il mio libro termina con una citazione dal libro “Palomar” di Italo Calvino che mi piace molto: “Il signor Palomar non si stanca mai di osservare la corsa delle giraffe, affascinato dalla disarmonia dei loro movimenti… Si chiede il motivo del suo interesse per le giraffe. Il motivo potrebbe essere che il mondo intorno a lui si muove in modo disarmonico e lui spera sempre di vedere in esso una costante, uno schema…”

Club Italie-France: Ultima domanda: un giovane ricercatore è restio ad andare in Africa per una missione. Da un lato vorrebbe partire per un’avventura entusiasmante e gratificante, dall’altro lo preoccupano le difficoltà della vita nei siti di prospezione. Come convincerli?

Raymonde Bonnefille: C’è un programma chiamato Encounter in Unknown Land. Oggi, attraverso la televisione, gli artisti si immergono in mezzo alle popolazioni locali e vivono come loro per 15 giorni. Questi artisti non conoscono il paese in cui andranno. Quando se ne vanno, hanno le lacrime agli occhi, sono così commossi per essere stati immersi in un universo estraneo, conosciuto nuove persone con le quali hanno vissuto un caldo rapporto umano. Anche se queste persone vivono in modo diverso dal nostro, condividono i nostri sentimenti. Posso solo consigliare ai giovani amanti dell’avventura: “Vai avanti, non aver paura dell’ignoto, abbi il coraggio di portare avanti il ​​tuo progetto. Il suo successo ti porterà un immenso piacere! “.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©

Intervista del

29 Luglio

Informazioni

Biologa
Sulle orme di Lucy
Club Italie-France: Affaires Internationales - Daisy Boscolo Marchi - Team
A cura di
Daisy Boscolo Marchi