Club Italie-France: Jean Dominique Giuliani

Jean-Dominique Giuliani

Club Italie-France: Lei è Presidente della Fondazione Robert Schuman, un osservatorio molto importante sulle politiche europee. Quali sono le vostre attività e come contribuite al progetto europeo?

Jean-Dominique Giuliani: La Fondazione Robert Schuman è un laboratorio di idee, un think tank di riferimento sulle questioni europee, il cui obiettivo è lavorare a favore della costruzione europea e sensibilizzare i cittadini – abbiamo più di 200.000 iscritti alla nostra Lettera Settimanale – alle sfide europee, ma anche a questa costruzione che è un successo enorme e senza precedenti. Con le nostre riflessioni (pubblichiamo un Policy Paper a settimana), facciamo luce sul progetto europeo, proponiamo soluzioni innovative per approfondire la costruzione europea. Per fare solo un esempio, a gennaio abbiamo pubblicato il rapporto Politica della concorrenza e politica industriale: per una riforma del diritto europeo.

Club Italie-France: Durante le prime settimane della pandemia di COVID-19, l’Unione Europea ha deluso molti cittadini. Gli italiani – i primi ad essere colpiti dalla crisi – si sono sentiti traditi e denigrati. Come giudica il comportamento delle istituzioni europee durante la crisi del coronavirus? I padri fondatori sarebbero orgogliosi di questa Unione europea? Certo, l’Italia ha un debito pubblico molto alto, ma alcuni hanno sostenuto che la Germania ha visto il suo debito estinto due volte nella storia e anche la Francia ha avuto un debito del 100%…

Jean-Dominique Giuliani: In effetti, le risposte degli europei sono state troppo titubanti all’inizio della crisi. Hanno dimostrato una mancanza di solidarietà e soprattutto di comprensione emotiva. Le istituzioni europee hanno finalmente reagito rapidamente e con misure su larga scala; per fare due esempi, al 31 gennaio l’Unione ha inviato in Cina 12 tonnellate di dispositivi di protezione e il 1° febbraio sono stati mobilitati 10 milioni di euro per la ricerca contro il virus nell’ambito del programma Horizon 2020. La Commissione (nonostante che non ha alcun potere in campo sanitario) e la Banca centrale europea (con il suo “bazooka” da 750 miliardi di euro) ha fatto rapidamente proposte concrete. Ci sono grandi divisioni tra gli Stati membri, l’Unione serve anche a questo, per aiutarci ad andare avanti, per superarle. La storia lo dimostra, l’Europa avanza nelle crisi.

Club Italie-France: Paesi Bassi e Germania hanno nuovamente rifiutato eurobond/coronabond. Tuttavia, come lei stesso ha ricordato, “il debito pro capite dell’Unione Europea è 4 volte inferiore a quello del Giappone, 3 volte quello di Singapore e doppio a quello degli Stati Uniti. La sua bilancia commerciale è in pareggio e la sua bilancia dei pagamenti in attivo. La sua capacità di indebitamento è quindi significativa. Prendere in prestito in comune è quindi, per gli europei, facile e poco costoso. Quando la crisi del coronavirus sarà superata, la questione cruciale del destino dell’Europa rimarrà: Unione politica o semplice struttura economica? Cosa ne pensi ?

Jean-Dominique Giuliani: Possiamo rammaricarci che in tempi come questi che stiamo vivendo, le proposte per uscire dalla crisi e, implicitamente, per cambiare l’Unione Europea siano accolte solo dallo scetticismo un po’ cinico di alcuni paesi che, beneficiando enormemente di la costruzione dell’Europa e del mercato unico, restano confinati nelle logiche nazionali. Quando la crisi del coronavirus sarà superata, dovremo tornare a parlare degli obiettivi comuni che l’Europa sta perseguendo. Quali sono ? Siamo d’accordo sulla loro definizione? Come aspettarli?

Club Italie-France: Il coronavirus e la crisi economica che sicuramente seguirà rischiano di alimentare il ritiro nazionalista. Il virus però lo ha dimostrato bene: in un mondo globalizzato le crisi non hanno passaporto, e chiudere le frontiere non è una soluzione. Perché allora i cittadini europei sembrano sempre più sedotti da nazionalisti ed euroscettici?

Jean-Dominique Giuliani: Le soluzioni dei nazionalisti sono, per definizione, semplici. Tuttavia, e già molto rapidamente, è diventato chiaro che la chiusura delle frontiere pone grossi problemi a ciascun paese europeo e ai suoi cittadini: le economie non possono essere rilanciate a livello nazionale perché sono altamente interdipendenti, gli Stati membri non sono in grado di ottenere dispositivi di protezione individuale a livello nazionale, ci sono settori che mancano di manodopera, i sistemi sanitari mancano di personale medico, ecc. La realtà mostra già che le “soluzioni” dei nazionalisti non sono praticabili. Tanto più che la crisi ha dimostrato che la scala nazionale non è stata quella giusta per rispondere alla crisi: abbiamo visto l’importanza delle regioni, delle città integrate, delle associazioni, delle iniziative decentrate.

Club Italie-France: Il coronavirus ha risvegliato il confronto tra democrazia e regimi totalitari e alcuni “si congratulano” con il rigore della Cina di fronte al virus. Le democrazie sono davvero più deboli dei regimi autoritari?

Jean-Dominique Giuliani: È proprio il contrario. Nonostante un regime dittatoriale onnipotente, la Cina non è riuscita a nascondere il proprio fallimento e ora sappiamo che ha barato sul numero delle vittime. Ha contaminato il mondo; non è un successo. Le democrazie hanno dimostrato di essere molto più resilienti di quanto ci si potesse aspettare. Inoltre, la trasparenza che caratterizza i regimi democratici è un elemento innegabilmente importante nella gestione di una situazione di crisi. Se dobbiamo notare una mancanza nei regimi democratici, è la comunicazione: non sappiamo come comunicare sull’efficacia dei nostri modelli.

Club Italie-France: Allo shock del coronavirus segue un altro fallimento all’interno dell’Unione Europea, la Brexit. Come vede la continuazione della costruzione europea senza gli inglesi? Pensi che questo sia un precedente “pericoloso”?

Jean-Dominique Giuliani: Possiamo essere tristi che gli inglesi stiano lasciando l’Unione Europea. Sarà una perdita per l’Unione. Ma questo si basa sulla libertà dei popoli. Dai tempi di Jean-Jacques Rousseau, già dichiarato nemico della democrazia rappresentativa e apostolo della democrazia diretta, sappiamo che “le persone hanno sempre ragione, ma possono essere fuorviate”. Questo è stato il caso della Brexit. Tuttavia, gli europei sono rimasti uniti in una difficile trattativa dall’esito ancora incerto. Penso che gli inglesi si aggiungeranno alle difficoltà naturali che qualsiasi economia deve affrontare. E, francamente, me ne rammarico perché sono stati ovviamente abusati da populisti egoisti, persino manipolati da gruppi di pressione disonesti. Tanto più che l’Eurobarometro mostra che il livello di fiducia nelle istituzioni europee e nell’euro è notevolmente aumentato negli ultimi anni.

Club Italie-France: In Europa si parla sempre più di un nuovo allargamento. Questa discussione è ragionevole in questo momento?

Jean-Dominique Giuliani: No, nessun ulteriore allargamento è previsto per molto tempo. Ma dobbiamo confermare le prospettive europee di paesi lavorati da interessi russi, turchi o cinesi che vogliono dissociarli dal continente. I paesi interessati – per il momento Macedonia del Nord e Albania – devono ancora compiere progressi, ma hanno anche bisogno di una reale prospettiva di adesione all’Unione in futuro. Abbiamo interesse a tenerceli vicino. Inoltre, occorre una vera riforma del processo di allargamento per il quale abbiamo spesso lavorato con le pubblicazioni della Fondazione.

Club Italie-France: Italia e Francia sono molto legate economicamente e storicamente. Il 27 febbraio Emmanuel Macron ha rilanciato il Trattato del Quirinale per rafforzare i rapporti diplomatici con l’Italia. Una migliore collaborazione tra Francia e Italia potrebbe avere un effetto positivo sul rilancio del progetto europeo? Se sì, in quali zone?

Jean-Dominique Giuliani:  Francia e Italia sono tra i grandi paesi fondatori dell’Unione. Nelle parole del presidente Macron, “Quando Francia e Germania non sanno come mettersi d’accordo, l’Europa non sa come andare avanti. Ma la coppia franco-tedesca non è esclusiva. Il nostro legame con l’Italia ha un carattere specifico”. Una più stretta collaborazione tra i due Paesi sarebbe estremamente importante per rilanciare il progetto europeo in ambiti come le migrazioni, gli aiuti allo sviluppo, una nuova strategia per il Nord Africa e il Medio Oriente.

Club Italie-France: Abbiamo l’impressione che, dopo questa crisi, gli equilibri globali siano destinati a cambiare e l’Unione Europea dovrà trovare il suo posto. La Cina ha dimostrato di essere pronta a conquistare la supremazia globale anche a scapito della salute della sua gente e dell’intera terra. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti sembrano segnare una ritirata isolazionista e nazionalista. È questa un’opportunità per l’Unione europea di rafforzare la sua posizione a livello internazionale?

Jean-Dominique Giuliani: Per questo appoggio pienamente lo sforzo del presidente francese per convincere gli europei a puntare all’acquisizione di “autonomia strategica”. Devono decidere da soli e secondo i loro interessi e valori. Non è sempre stato così. Molti si sono affidati agli americani per la difesa, in Italia per esempio. Pochi si sono preoccupati di preservare il loro know-how e le loro tecnologie. Praticamente nessuno stato europeo ha voluto condividere le competenze rendendolo più efficiente, sia per l’immigrazione, la giustizia e la polizia. Questi argomenti sono davanti a noi. L’Italia ha ragione a rivendicare la solidarietà degli europei che le è mancata. Ma è pronta per queste condivisioni? Lo stesso vale in Francia. Resta il fatto che Italia e Francia sono più che sorelle. Vicini per cultura, sensibilità, economia e industria, devono ancora avvicinarsi. La Francia ha commesso molti errori in passato. Spero si sia aperta un’altra pagina.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©

Intervista del

10 Settembre

Informazioni

Dirigente
Presidente della Fondazione Robert Schuman
Club Italie-France: Affaires Internationales - Daisy Boscolo Marchi - Team
A cura di
Daisy Boscolo Marchi