Club Italie-France: Alexandre Leforestier

Alexandre Leforestier

Club Italie-France: Lei è il fondatore di Panodyssey, un innovativo social network dedicato ad autori e lettori. Come è nata la sua idea?

Alexandre Leforestier : Sono nel settore delle industrie digitali e creative sin dalla prima bolla di Internet nel 2000. Tutte le mie attività sono legate all’innovazione e alla creazione di musica e testi online.

L’idea di Panodyssey è nata dopo un lungo processo e uno sguardo critico al mondo digitale basato sulla mia esperienza professionale e sul mio utilizzo deludente. La cosa più importante non è l’idea ma come realizzare l’idea e nel 2018 c’è stato un fattore scatenante.

Conosco il funzionamento delle piattaforme di contenuti e dei social network. In quanto cittadino europeo, sono molto insoddisfatto dell’offerta disponibile sul mercato. Gli europei sono tutti collegati ai social americani e cinesi perché manca l’offerta locale. Amo le culture americana e asiatica, ma abbiamo bisogno di un’industria digitale europea forte e indipendente per servire la nostra cultura, i nostri cittadini e le nostre democrazie.

Club Italie-France: Ciò che vale per l’indipendenza energetica e l’agricoltura vale per i nuovi media e la cultura in Europa. Dov’è finita la nostra leadership culturale su Internet?

Alexandre Leforestier : La distribuzione dei contenuti agli utenti Internet europei non può più essere quasi esclusivamente nelle mani dei gruppi tecnologici americani (GAFAM) e cinesi (TikTok). Questi ultimi Hanno capito come utilizzare la tecnologia per catturare l’attenzione degli utenti Internet di tutto il mondo intorno alle informazioni e all’intrattenimento online. Dobbiamo affrontare nuove sfide per creare una solida alternativa europea conciliando etica e digitale e lottando contro l’inquinamento digitale.

Questa alternativa dovrebbe aiutare i creatori e i produttori di contenuti a trovare un nuovo pubblico creando nuovi modelli di business redditizi. Dovrebbe consentire agli utenti di Internet di scoprire nuove esperienze grazie a un nuovo approccio alla tecnologia realizzato in Europa dagli europei per gli europei. Dobbiamo poter scegliere i prodotti che utilizziamo altrimenti gli europei rimarranno nel mondo dei social guidati da Mark Zuckerberg ed Elon Musk con tutti i problemi di geopolitica digitale che questo pone…

La Commissione Europea è molto impegnata su questi temi. Essa installa un nuovo framework digitale in termini di trasparenza, protezione, sovranità e regolamentazione: GDPR, Copyright, DSA, DMA, IA Act. Le azioni del commissario per l’innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e la gioventù Mariya Gabriel e del commissario per il mercato interno Thierry Breton incoraggiano imprenditori e investitori a creare nuovi progetti.

L’innesco per l’idea di Panodyssey è arrivato parlando con un pastore sulle montagne svizzere intorno all’osservazione “metro, lavoro, algo” e alle seguenti domande: possiamo creare un social network pacifico senza pubblicità? Possiamo creare uno spazio digitale in cui gli scambi e i comportamenti siano rispettabili? Possiamo creare un social network che inviti gli utenti di Internet a scegliere l’operazione algoritmica in completa trasparenza ? Possiamo creare un social network favorendo la scoperta dei contenuti attraverso la personalizzazione dei rituali di lettura? Possiamo creare un social network dedicato al testo e alla creatività evidenziando la diversità dei contenuti di qualità e delle lingue europee? Sì, possiamo farlo, dissi al pastore !

Siamo andati a Bruxelles per presentare l’idea e abbiamo creato Panodyssey con Yann Rigo e i nostri primi investitori nel dicembre 2018 perché abbiamo capito che l’Europa avrebbe implementato una nuova strategia digitale europea con determinazione e ambizione.

Accolgo con favore la creazione di nuovi programmi europei che promuovono lo sviluppo di progetti innovativi e la cooperazione tra settori, tra cui Horizon Europe 2030, EU Invest, EIT Culture Creativity e Europe Creative Innovation Lab. Il Relais Culture Europe di Parigi è uno strumento efficace e prezioso al servizio di capi progetto come queste controparti europee.

Club Italie-France : Lei ha una lunga esperienza professionale a stretto contatto con il mondo dell’innovazione. In Francia ha anticipato i profondi cambiamenti che la tecnologia avrebbe portato nel rapporto tra commercio, distribuzione e consumatori. Citiamo ad esempio le tue aziende Bee Jazz e poi Qobuz.

Alexandre Leforestier : Vengo dal mondo della musica. Dopo gli studi al conservatorio e all’università della musica di Parigi, nel 2001 ho lanciato la mia etichetta jazz e il mio primo sito web per vendere direttamente i miei primi dischi. A quel tempo Amazon vendeva solo libri e dischi e lui è stato il mio primo cliente rivenditore con Fnac.

Il settore musicale è stato uno dei primi a risentire dell’ondata digitale negli anni 90. Le cose serie sono iniziate con le prime piattaforme musicali pirata, tra cui Napster negli USA. Il suo fondatore ha poi guidato Facebook nei suoi primi giorni. La musica e il social network sono intimamente legati e TikTok lo ha dimostrato con le sue illustrazioni musicali! Sono sempre stato appassionato di innovazione e ho capito come utilizzare le reti per rivoluzionare le pratiche di ascolto: la musica finiva semplicemente nella tasca dei nostri jeans per seguirci ovunque, adattandosi ai nostri gusti e ai nostri rituali di ascolto con playlist condivise. Non è stata Apple a inventare la mobilità ma Sony con il Walkman e già negli anni ’80 facevo playlist con i miei amici su cassette vergini.

Quando ho menzionato questa rivoluzione musicale nel 2000, la gente mi ha preso per un fanatico. Tutto il mondo oggi utilizza applicazioni musicali gratuite o a pagamento per riprodurre in streaming a casa e in mobilità ciò che vogliamo ascoltare con una nuova generazione di dispositivi connessi. L’industria musicale ha subito grandi cambiamenti con lo sviluppo di dispositivi digitali e connessi (IoT). La crisi è alle spalle e la crescita è ripartita. Questa carriera professionale nella tecnologia è stata molto formativa per l’imprenditore che sono e mi ha permesso di capire i retroscena del mondo dell’innovazione lavorando con i principali gruppi tecnologici americani. Amazon, Apple, Facebook, Google, Microsoft, YouTube sono stati i nostri clienti e operatori tecnologici chiave per sviluppare le nostre innovazioni data la loro posizione dominante nella musica e nell’accesso.

Dopo aver ripristinato la salute finanziaria della mia attività tra il 2002 e il 2005, ho avuto la possibilità di sperimentare un enorme successo discografico grazie a Mozart creando un nuovo concetto: un Mozart completo a un prezzo accessibile. In Francia i negozi dell’epoca tra cui Fnac e Virgin megastore non volevano acquistare in piena crisi discografica un Mozart completo di 170 dischi al prezzo di 99 euro tasse incluse senza un solido piano di comunicazione. Il piano era il concetto! Un po’ come Panodyssey: il prodotto giusto al posto giusto al momento giusto. Alla fine abbiamo venduto più di 50 milioni di dischi di Mozart in un anno: questo è il record mondiale di vendite di dischi nell’intera storia della musica classica registrata. I soldi di Mozart sono stati investiti per creare Qobuz in Francia nel 2006: la prima piattaforma musicale online per audiofili e amanti della musica. Daniel Ek ha creato Spotify in Svezia allo stesso tempo su un segmento più popolare con molti più soldi. La mia prima raccolta fondi nel 2008 è stata onorevole grazie a un investimento di 5 milioni di euro, ma fare business nella musica online è stato molto complicato. Gli europei innovano con risorse finanziarie limitate nel settore della distribuzione dei contenuti rispetto agli americani che hanno enormi risorse: GAFAM e fondi tecnologici. La competitività è molto forte e devi essere intelligente e tattico per finanziare l’innovazione in un contesto in cui i fondi francesi non supportano abbastanza le piattaforme di contenuti quando vengono immesse sul mercato. La dottrina degli investimenti deve evolvere: la BPI e la Caisse des Dépôts in Francia hanno un ruolo importante da svolgere perché strutturano il mercato. Ma la chiave è europea. Non basta pensare europeo, è necessario eseguire europeo in tutte le fasi del progetto: dalla nascita dell’idea all’introduzione sui mercati.

Club Italie-France : Panodyssey può cambiare l’attuale paradigma dove i GAFAM dettano legge, spesso a discapito di un’intera filiera editoriale dove non solo editori, distributori, ma anche autori sono a rischio di estinzione. Grazie alla sua piattaforma autori ma anche editori possono ritrovarsi in una community che condivide gli stessi valori e la stessa visione

Alexandre Leforestier : L’obiettivo numero uno di Panodyssey è sviluppare soluzioni e strumenti innovativi per migliorare i contenuti di qualità creando nuove prospettive per i creatori. Tutte le soluzioni che sviluppiamo sono create collaborando con le organizzazioni professionali partner del nostro consorzio intersettoriale europeo: Creative Room European Alliance (CREA). Il nostro consorzio CREA è aperto e ogni mese accoglie nuovi membri che condividono gli stessi valori e la stessa visione: conciliare etica e digitale.

Il consorzio CREA è sostenuto finanziariamente dal programma Europe Creative Innovation Lab della Commissione Europea, che porta attrattività e nuove opportunità al nostro progetto. Il CREA riunisce una ventina di partner in 5 paesi (Francia, Italia, Spagna, Bulgaria, Ungheria), 5 lingue (tedesco, inglese, spagnolo, francese, italiano) e 5 settori (audiovisivi e media, editoria, cultura, educazione e tecnologia) tra cui: agenzia di stampa internazionale Agencia EFE (Spagna), editore di stampa WorldCrunch e VoxEurop (Francia), editore di libri Linea edizioni (Italia), organizzazione culturale Venetian Cluster (Italia), laboratorio tecnologico Tecnopolis (Italia), formazione istituzionale (Italia).

Siamo stati audaci e pionieri nel 2018 quando abbiamo deciso di certificare gli account di persone fisiche, persone giuridiche e marchi durante la creazione del loro profilo su Panodyssey. Tutti gli account sono certificati senza eccezioni, ma quali sono i vantaggi? 

Panodyssey è uno spazio digitale affidabile. Come autore professionista o autopubblicato, nessuno può usare il tuo nome o marchio per te. La creazione di un account Panodyssey utilizzando uno pseudonimo è possibile ma obbedisce alla stessa regola. Questa garanzia è a vantaggio del titolare del conto e del suo pubblico. In cambio, proteggiamo la proprietà intellettuale creando registri automatizzati collegati ad account verificati. Semplifichiamo i processi relativi agli strumenti di collaborazione e monetizzazione nel rispetto delle nuove normative europee. Stiamo istituendo nuovi standard duplicabili in completa trasparenza.

Nel 2018 mi fu detto “sei pazzo Alexandre a voler certificare gli account su un social network…”. A fine 2022, Mark Zuckerberg ed Elon Musk hanno copiato Panodyssey annunciando la certificazione degli account sui rispettivi network.

Gli utenti controllano e personalizzano il sistema algoritmico su Panodyssey. È un cambio di paradigma reso possibile grazie alla totale assenza di pubblicità su Panodyssey ea una nuova visione del social network che pone le persone al centro dell’esperienza dando loro il controllo sulle raccomandazioni visualizzate nel suo flusso di contenuti. Il nostro modello di business è indipendente dal modello pubblicitario, che consente a tutte le testate di incontrare il proprio pubblico. Tutte le nicchie e tutti i contenuti pubblicati hanno una possibilità. Questo sistema serve la linea editoriale di emittenti, editori e autori. I creatori non sono influenzati o penalizzati dalla pubblicità che promuove sempre massa e buzz sui network. L’assenza di pubblicità su Panodyssey aumenta il comfort di lettura e l’attenzione degli internauti e quindi la qualità dell’audience. Siamo un po’ come LVMH delle reti! Questa personalizzazione e questa libertà è in linea con l’azione della Commissione europea. Dobbiamo pensare in modo diverso e liberarci dal modello ultrapotente GAFAM.

Creatori dilettanti e professionisti e comunicatori utilizzano i nostri strumenti secondo il loro obiettivo, la loro linea editoriale e il loro modello economico. Tutto è personalizzabile. Per gli autori autopubblicati Panodyssey è uno strumento semplice e pratico per raggiungere rapidamente il pubblico ed è accessibile gratuitamente.

Club Italie-France : Panodyssey opera in tutta Europa. Quali attività state sviluppando in particolare con l’Italia?

Alexandre Leforestier : Panodyssey opera nei 27 paesi europei, il che significa che i nostri servizi sono disponibili in tutti i paesi europei e ci concentriamo sulla novità Panodyssey PRO.

Panodyssey PRO consente ai professionisti di aumentare l’efficacia della loro comunicazione digitale valorizzando i loro contenuti e proteggendoli grazie al nostro sistema di certificazione del marchio e di protezione della proprietà intellettuale. Abbiamo preso in contropiede il sistema attuale. La pubblicazione online richiede molto tempo e i contenuti scritti finiscono nel cestino dopo poche ore su Facebook, LinkedIn e Twitter. Le aziende di tutto il mondo pagano da 20 anni community manager ed editor per scrivere e trasmettere sui network contenuti nati morti: che spreco! Le aziende devono quindi pagare per vedere la pubblicità. Ci sono sempre più robot e bot sulle reti che generano false visualizzazioni e false interazioni per darti l’illusione che il tuo post stia incontrando un pubblico. Questo sistema è allo stremo e sta gradualmente crollando quando le aziende vengono a conoscenza di questo costoso spreco.

Panodyssey PRO aumenta la visibilità delle pubblicazioni sul web grazie ad un’architettura di social network aperta e ad un’ottima indicizzazione dei contenuti pubblicati su Panodyssey da parte dei motori di ricerca: Google apprezza l’assenza di contenuti fake e di profili fake su Panodyssey, che impatta positivamente sulla SEO : questo argomento colpisce nel segno e convince i professionisti a testare la nostra soluzione. La durata dei contenuti pubblicati su Panodyssey non è limitata. Il nostro concept ospita i testi e le immagini dei creatori in una Creative Room tematica che ha molteplici accessi grazie alla sua architettura dei dati: categoria, sottocategorie, parole chiave, metadati, ecc. È molto efficace per trovare contenuti già pubblicati, per aggiornarli e perché no in modo collaborativo o riutilizzarli per rilanciare la comunicazione. Panodyssey PRO è stato progettato da CREA ed è disponibile da febbraio 2023 in 5 lingue. Panodyssey PRO è la prima soluzione di una gamma professionale che stiamo sviluppando: nuovi strumenti professionali per la creazione e la collaborazione, nuova interfaccia per aumentare l’impatto delle pagine del profilo e il coinvolgimento degli utenti di Internet e delle nostre applicazioni mobili !

Abbiamo impostato attività di comunicazione e marketing con i nostri partner europei attorno alla soluzione Panodyssey PRO. In Italia, abbiamo recentemente organizzato con i nostri partner italiani un evento che si è svolto presso il Consiglio d’Europa in Piazza San Marco a Venezia nell’ambito del nostro giro d’Europa dedicato alla creatività e all’innovazione. Queste nuove collaborazioni possono portare alla creazione di Joint-Venture a livello locale o all’acquisizione di una partecipazione nel capitale di Panodyssey perché la geografia del nostro capitale è coerente con la nostra ambizione europea. Il mercato italiano è una priorità per Panodyssey, che si posiziona come il social network europeo dedicato alla creazione e alla cultura.

Club Italie-France : Quali passi dovranno compiere gli autori e gli editori per aderire a Panodyssey??

Alexandre Leforestier : Usare Panodyssey come creatore di contenuti per pubblicare e comunicare è molto semplice :

  • Se lei è un professionista o un’azienda che pubblica sotto il nome del proprio marchio (come un editore di libri o un museo per esempio) dovrà creare un account Panodyssey PRO e costa 199 Euro IVA esclusa una tantum: ha accesso a strumenti professionali, spazio di archiviazione per ospitare i suoi contenuti di testo e immagini, maggiore visibilità e servizio clienti dedicato.
  • Se lei è un autore non professionista che pubblica a proprio nome o con il nome di un autore, crei un account standard ed è gratuito.

In entrambi i casi, è molto semplice e veloce.

Club Italie-France : Quali sono i suoli prossimi obiettivi ?

Alexandre Leforestier : Panodyssey sta accelerando lo sviluppo della sua azione europea sviluppando nuovi strumenti digitali attorno a testo e immagine grazie all’intelligenza artificiale e alla nuova cooperazione. Siamo nel bel mezzo del boom dell’AI e il mondo intero è impattato dal robot conversazionale dedicato al linguaggio scritto: ChatGPT. Panodyssey è l’unico social network europeo dedicato al testo e alle lingue europee. Abbiamo una buona carta da giocare e siamo al centro di questa trasformazione perché l’abbiamo anticipata. Stiamo investendo in un ambizioso programma di intelligenza artificiale per fornire nuovi strumenti di intelligenza artificiale digitale. Le nostre innovazioni semplificheranno la vita dei creatori per guadagnare in efficienza, competitività e creatività. Saranno trasparenti ed etici pur rimanendo fedeli ai nostri valori fondanti.

Sono felice di annunciare un’anteprima la creazione del nostro nuovo consorzio europeo dedicato all’intelligenza artificiale e all’interoperabilità. Si chiama CREA Trust AI. Stiamo organizzando un evento sull’intelligenza artificiale con personalità del mondo della scienza, della cultura e dei media per presentare CREA Trust AI. L’agenzia di stampa internazionale Agencia EFE, membro fondatore del CREA, guida questo evento che si svolgerà a Madrid il 26 maggio 2023 durante la grande fiera del libro di Madrid (3 milioni di visitatori) nel padiglione della Commissione Europea.

Panodyssey e i team ungheresi CREA presenteranno Panodyssey PRO alla Fiera Internazionale del Libro di Budapest “Margo Festival” il 12 maggio in collaborazione con la stampa letteraria locale. Panodyssey e i team CREA italiani presentano Panodyssey PRO alla Fiera Internazionale del Libro di Torino dal 22 al 26 maggio in collaborazione con un editore italiano che già utilizza Panodyssey PRO.

I nostri consorzi sono aperti e ogni mese accolgono nuovi membri associati nei settori culturali e tecnologici stabiliti in Europa ma anche in Nord America e Africa. Tra i nostri nuovi membri in arrivo nell’aprile 2023 c’è la fiera internazionale della tecnologia e dell’innovazione centrafricana “Osiane”, una rete di imprenditori e investitori fondata dal finanziere belga con sede a Miami Yotis Cooper e la fondazione culturale della città di Oderzo in Italia diretta da Filippo Maria Cover e la sua presidente Maria Teresa De Gregorio.

Infine, Panodyssey mira a raccogliere nuovi fondi per sostenere lo spiegamento delle attività di CREA Trust AI nel 2024 e nel 2025 e per rafforzare la cooperazione con i principali attori dei settori audiovisivi e dei media attorno a un nuovo progetto europeo innovativo e su larga scala. Ci vedremo tra qualche mese a Bruxelles per parlarne…

RIPRODUZIONE RISERVATA ©

Club Italie-France: Alexandre Leforestier
Imprenditore, presidente di Panodyssey
Club Italie-France: Affaires Internationales -Cindy Passaretta - Responsabile Comunicazione - Team
a cura di
Cindy Passaretta